Home Ambiente Difesa del suolo: interventi per 700 milioni, dal Pnrr 60 milioni per 23 progetti

Difesa del suolo: interventi per 700 milioni, dal Pnrr 60 milioni per 23 progetti

Giani e Monni: “La Toscana c’è”

di Redazione
0 commento 28 views

Firenze. Oltre 600milioni di euro di interventi in corso per la difesa del suolo, ripartiti su base provinciale; altri 99 milioni in arrivo di cui 60 già assegnati tramite Pnrr a 23 progetti (vedi elenco allegato) nei territori che hanno vissuto un evento oggetto di emergenza nazionale; altri 30 milioni sono fondi Fesr di cui 10 per le frane, altri 10 per opere a difesa del suolo, 10 per l’erosione costiera destinazione masterplan della costa. Ci sono poi altri 9 milioni del Mef dedicati ai progetti del Comuni . Sia i 30 milioni di fondi Por-Fesr che quelli del Mef sono accessibili tramite bandi.

E’ la Toscana della difesa del suolo, impegnata nella gestione del rischio idraulico e idrogeologico con una serie di misure strutturali e non, in maniera costante. Il punto della situazione è stato fatto stamani dal presidente della Regione Eugenio Giani insieme all’assessore regionale all’ambiente e difesa del suolo Monia Monni.

“Quello della difesa del suolo è uno dei temi al centro del governo della Regione – ha detto il presidente Giani -. Alla luce dei cambiamenti climatici in atto, della siccità e dei disastri che il territorio subisce quando alla siccità si alternano gli effetti devastanti delle bombe d’acqua, la Toscana ha attivato misure e azioni per gestire nella maniera più efficace possibile il rischio idraulico e idrogeologico. Possiamo dire che qui siamo avanti. Abbiamo progetti in essere, altri in fase di ultimazione e altri ancora in fase preparatoria. Ma la Toscana c’è ed è preparata su questo fronte

“La Regione – ha aggiunto l’assessore Monnista lavorando su un doppio fronte, quello del contrasto al cambiamento climatico che rende i fenomeni meteo sempre più imprevedibili e pericolosi e, in questo caso, a dare un contributo fondamentale in questa direzione, c’è il piano della transizione energetica. Ma stiamo rafforzando anche le misure di adattamento dei territori con misure di investimento molto importanti. In questo momento oltre ad essere attivi i 600 milioni di lavori nelle province toscane, ci sono i 60 milioni del Pnrr che arrivano alla Regione attraverso il Dipartimento della Protezione civile e che andranno a finanziare 23 interventi scelti in base all’efficacia e cantierabilità immediata”.

I progetti

L’assessore Monni è entrata nel dettaglio dei 60 milioni del Pnrr soffermandosi in particolare sui progetti di Firenze, Arezzo e Pistoia. Sull’Arno è previsto un intervento da 15milioni di euro nel tratto che attraversa il centro storico di Firenze, dove verranno realizzate opere di contenimento sia strutturali, con arredi (fioriere, ringhiere in corten) che si inseriscono bene nel contesto della bellezza del centro di Firenze, che temporanee, in grado rialzare gli argini in maniera mirata e garantire un livello di sicurezza in caso di alluvione. Monni cita anche gli interventi in provincia di Arezzo che andranno a chiudere quelli post alluvione del 2019 aggiungendo altri 16 milioni ai 23 già stanziati. E poi l’area di Pistoia, dove verrà realizzata una cassa di espansione sul Bure con altri 14 milioni che andranno ad alleviare la pericolosità dell’Ombrone sorvegliato speciale della nostra Regione”

Il presidente Giani ha sottolineato alcuni degli interventi principali in corso, fra cui le opere idrauliche del fiume Serchio (11 milioni di euro), le casse di espansione Pizziconi e Restone nel comune di Figline e Incisa Valdarno (31 milioni), gli interventi di Marina di Cecina (11 milioni), di Follonica e Pratoranieri (11 milioni).

“Difesa del suolo – ha aggiunto Gianiè anche valorizzazione degli elementi naturali e quindi voglio segnalare una cosa unica, che facciamo in Toscana per la prima volta sfruttando l’acqua dell’Arno e la sua energia, coniugando così difesa del suolo e produzione di energia idroelettrica. Attraverso l’ammodernamento delle briglie, verrà prodotta energia pulita, tramite la realizzazione di 12 turbine. Lo faremo al Girone entro fine anno e all’Isolotto a settembre”

Un ultimo passaggio Giani lo fa sui 96 milioni per l’erosione costiera, che rientrano nel Masterplan della costa e che ancora non ci sono, “ma – dice il presidente- siamo in lista d’attesa. Avevamo già avuto l’ok di Draghi e Gelmini affinché ci fossero finanziati col Pnrr. Noi siamo pronti a realizzarli. Sono interventi importanti”.

La tabella con tutti gli interventi della Regione Toscana

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

* Utilizzando questo form si acconsente al trattamento dati personali secondo norma vigente. Puoi consultare la nostra Privacy Policy a questo indirizzo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare

Le tue preferenze relative alla privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy