Home GrossetoAmbiente Grosseto Miasmi, Scarlino Energia replica a Benini: “Inceneritore chiuso da anni, stop ad accuse insensate”

Miasmi, Scarlino Energia replica a Benini: “Inceneritore chiuso da anni, stop ad accuse insensate”

di Redazione
0 commento 0 views

Apprendiamo dalla stampa odierna che il sindaco di Follonica Benini, all’interno di un dibattito a distanza tra candidati alle prossime elezioni amministrative, cita Scarlino Energia, insieme ad altri, tra i responsabili dei miasmi al quartiere Cassarello. Appena la settimana scorsa aveva annunciato, sempre a mezzo stampa, che i miasmi erano dovuti a varie concause (senza però specificare quali fossero)“.

A dichiararlo, in un comunicato, è Scarlino Energia.

“Eppure il sindaco Benini dovrebbe sapere, visto che è stata una sua precisa responsabilità, che il nostro impianto è chiuso da tre anni e che negli ultimi 10 anni (dalla sua prima autorizzazione) ha lavorato appena 800 giorni – continua la nota -. A che titolo e per quali fini secondari il primo cittadino quindi ci cita ancora e infondatamente tra i responsabili del cattivo odore quando questo è presente e persistente indipendentemente dal fatto che noi siamo o non siamo in esercizio? Chi sta coprendo? Quali responsabilità ci sono dietro? Chi gli suggerisce affermazioni tanto approssimative e strumentali? Continua nell’operazione di accanimento contro Scarlino Energia quando è palese che tra miasmi che affliggono Cassarello e la nostra azienda non c’è evidentemente mai stato, né tantomeno può esserci adesso, nessuna correlazione?“.

“Il sindaco Benini risolva il problema, se ne è capace, invece di additarci responsabilità che non esistono. Indaghi sulle sorgenti odorigene con la stessa pervicacia usata in altri casi, faccia ricorsi al Tar e sostenga magari nuove class action. Ci lasci fuori, almeno questa volta, dalla polemica e, se proprio siamo la sua ossessione, si concentri allora sulle promesse ai nostri dipendenti: faccia qualcosa per la loro ricollocazione. Non basta dire ‘Abbiamo attivato dei tavoli”, i nostri dipendenti non sono ebanisti: qui sono in ballo altissime professionalità e qualifiche, sono ingegneri, chimici, periti industriali, ecc. Come li volete ricollocare, a vendere panini sulla spiaggia o fare i camerieri? E’ questo il futuro che ha in mente il sindaco? Allo soluzione bisognava pensare prima di farci chiudere – termina la nota -. Invece si è scelto la strada più comoda: prima ti faccio chiudere e poi troverò (forse) una soluzione. Sindaco Benini, la campagna elettorale la faccia sulla pelle di qualcun altro“.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

* Utilizzando questo form si acconsente al trattamento dati personali secondo norma vigente. Puoi consultare la nostra Privacy Policy a questo indirizzo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare

Le tue preferenze relative alla privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy