Home GrossetoAmbiente Grosseto Sei Toscana: nominati i tre commissari

Sei Toscana: nominati i tre commissari

di Redazione
0 commento 9 views

Presentati questo pomeriggio a Siena dal prefetto Armando Gradone i tre commissari che si occuperanno della gestione di Sei Toscana, azienda che opera nel settore dei rifiuti nelle province di Siena, Arezzo e Grosseto.

Si tratta di Maurizio Galasso, Salvatore Santucci e Paolo Longoni, esperti di amministrazione e tematiche ambientali.

Il prefetto di Siena, dopo avere sentito il parere dell’Autorità anticorruzione (Anac) ha deciso il commissariamento di Sei Toscana, al centro delle cronache giudiziarie in relazione ad una maxi gara da tre miliardi e mezzo sulla quale è in corso una inchiesta della magistratura fiorentina per turbativa d’asta e corruzione nella quale sono coinvolti ex vertici dell’azienda. I tre commissari hanno avuto l’incarico di controllo delle attività dell’azienda per re mesi.

Un periodo – ha sottolineato il prefetto Gradone – che potrà aumentare a seconda delle risultanze del loro lavoro. La loro presenza nell’azienda servirà a verificare che non ci siano ripercussioni in relazione all’inchiesta in corso. Il commissariamento serve perche’ il contratto di servizio di Siena si svolga in maniera corretta“.

Fonte Agi

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

* Utilizzando questo form si acconsente al trattamento dati personali secondo norma vigente. Puoi consultare la nostra Privacy Policy a questo indirizzo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare

Le tue preferenze relative alla privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy