Home GrossetoAmbiente Grosseto Ecosistema urbano: Grosseto al 36esimo posto in Italia

Ecosistema urbano: Grosseto al 36esimo posto in Italia

di Redazione
0 commento 3 views

 Il capoluogo maremmano rimane alla stessa posizione dello scorso anno (36esima), migliorando però di 4 punti percentuali (dal 40% al 44% nella classifica nazionale). Sono questi i risultati della XIXesima edizione di Ecosistema Urbano, l’annuale ricerca di Legambiente e Ambiente Italia, realizzata con la collaborazione editoriale del Sole 24 Ore.

Lo stato di salute del capoluogo maremmano risulta però avere diverse pecche soprattutto per la produzione di rifiuti e per le perdite idriche di rete. Per analizzare le varie città italiane è stata stilata una classifica dei centri urbani in base al loro stato di salute ambientale, determinato analizzando 25 indici tematici basati su una settantina di indicatori primari e oltre 120 parametri. I dati di questa edizione del rapporto fanno quindi prevalentemente riferimento all’anno 2011. Tre grandi categorie: 15 grandi città sopra i 200.000 abitanti, 44 medie città tra 200.000 e 80.000 abitanti, e 45 piccole città sotto gli 80.000 abitanti.

 Grosseto, che fa parte delle città medie, si piazza al 36esimo posto (su 44) con un punteggio del 44,48% (quasi 5 punti in più sul totale rispetto allo scorso anno). Tra le ultime posizioni (41esima) per le perdite idriche di rete con il 54%, mentre per la produzione di rifiuti (667,6 kg/abitanti/anno) occupa la trentaduesima posizione, con 51.922 tonnellate di rifiuti urbani prodotti nel 2011 (di cui 16.923 t di raccolta differenziata) con uno smaltimento in discarica di 34.998 t.

In positivo invece i consumi idrici di Grosseto (11esima) e soprattutto per la depurazione dei liquidi reflui (100%) che vedono il capoluogo maremmano al primo posto della classifica nazionale visto che nell’intero territorio comunale non esistono scarichi non depurati.

 

“Ecosistema urbano 2012 evidenzia con forza – afferma Angelo Gentili, della segreteria nazionale di Legambiente – luci e ombre del capoluogo maremmano che pur mantenendo la stessa posizione dello scorso anno migliora leggermente rispetto al punteggio totale. Occorre un impegno maggiore e più significativo per garantire la sostenibilità del comparto cittadino soprattutto sul fronte della raccolta differenziata, della perdita idrica, della mobilità (aumento delle ztl, delle zone 30 e delle piste ciclabili) e della qualificazione del verde urbano. Sul fronte degli obiettivi positivi raggiunti si può evidenziare la depurazione dei liquidi reflui, al primo posto nella classifica nazionale, proprio per l’assenza di scarichi non depurati, e la mancanza di una situazione critica dal punto di vista delle emissioni inquinanti in atmosfera”.

 

La XIXesima edizione di Ecosistema Urbano ha puntato l’attenzione anche sull’abusivismo edilizio e gli orti urbani, inviando ai comuni due questionari in via sperimentale.

I risultati raccolti saranno infatti oggetto di una presentazione ad hoc e non si esclude che in Ecosistema Urbano 2013 s’introduca il parametro dell’abusivismo edilizio. Anche il quesito sugli orti urbani, sottoposto volutamente a un universo più ristretto di città, ha avuto un inatteso livello qualitativo di risposte. Legambiente ha perciò deciso di riservare a tal proposito un dossier dedicato al tema degli orti urbani, nel quale sarà approfondita l’indagine compiuta.

(sotto la tabella con la classifica nazionale) 

CLASSIFICA FINALE ECOSISTEMA URBANO – XIX edizione

 

Pos. Città   Pos. Città   Pos. Città  
 
Città Grandi
  20 Ancona

52,68%

11 Nuoro

55,40%

1 Venezia

63,48%

21 Bergamo

52,05%

12 Chieti

54,02%

2 Bologna

59,96%

22 Sassari

51,48%

13 Ascoli Piceno

53,69%

3 Genova

56,96%

23 Brescia

49,61%

14 Gorizia

53,30%

4 Padova

53,47%

24 Cagliari

49,57%

15 Oristano

52,54%

5 Firenze

50,92%

25 Vicenza

47,86%

16 Cremona

51,74%

6 Verona

50,69%

26 Salerno

47,27%

17 Rieti

51,33%

7 Milano

50,05%

27 Treviso

46,47%

18 Benevento

50,71%

8 Torino

49,46%

28 Alessandria

46,24%

19 Campobasso

49,88%

9 Trieste

49,24%

29 Foggia

45,96%

20 Teramo

48,96%

10 Roma

45,70%

30 Como

45,88%

21 Siena

48,80%

11 Bari

44,18%

31 Pistoia

45,70%

22 Pavia

48,48%

12 Napoli

35,96%

32 Arezzo

44,88%

23 Caserta

47,56%

13 Catania

28,58%

33 Lecce

44,76%

24 Biella

46,81%

14 Palermo

23,46%

34 Brindisi

44,54%

25 Potenza

46,08%

15 Messina

16,17%

35 Novara

44,52%

26 Avellino

44,81%

 

Città Medie

  36 Grosseto

44,48%

27 Matera

44,76%

1 Trento

68,20%

37 Pescara

42,46%

28 Asti

44,66%

2 Bolzano

66,60%

38 Varese

41,02%

29 Ragusa

44,57%

3 La Spezia

63,57%

39 Monza

37,12%

30 Vercelli

44,35%

4 Parma

61,93%

40 Taranto

35,66%

31 Lecco

44,07%

5 Perugia

61,45%

41 Catanzaro

30,70%

32 Cosenza

42,36%

6 Reggio Emilia

60,48%

42 Latina

28,93%

33 Viterbo

41,40%

7 Pisa

59,59%

43 Siracusa

26,20%

34 Rovigo

36,68%

8 Forlì

59,51%

44 Reggio Calabria

22,20%

35 L’Aquila

36,53%

9 Udine

57,67%

 

Città Piccole

  36 Agrigento

32,70%

10 Ferrara

56,22%

1 Verbania

73,71%

37 Caltanissetta

32,13%

11 Pesaro

56,14%

2 Belluno

69,30%

38 Imperia

31,43%

12 Ravenna

55,69%

3 Pordenone

62,01%

39 Isernia

31,17%

13 Rimini

55,56%

4 Mantova

59,50%

40 Massa

30,68%

14 Terni

54,72%

5 Aosta

59,31%

41 Enna

27,76%

15 Lucca

54,53%

6 Cuneo

58,87%

42 Frosinone

27,32%

16 Piacenza

53,81%

7 Macerata

58,40%

43 Trapani

24,00%

17 Livorno

53,70%

8 Sondrio

58,19%

44 Crotone

23,18%

18 Prato

53,65%

9 Lodi

56,84%

45 Vibo Valentia

20,76%

19 Modena

52,74%

10 Savona

55,60%

     

Fonte: Legambiente, Ecosistema Urbano (Comuni, dati 2011). Elaborazione: Ambiente Italia srl

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

* Utilizzando questo form si acconsente al trattamento dati personali secondo norma vigente. Puoi consultare la nostra Privacy Policy a questo indirizzo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare

Le tue preferenze relative alla privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy