Home Attualità Bando al bullismo e alla violenza di genere: a Grosseto un incontro per sensibilizzare i giovani

Bando al bullismo e alla violenza di genere: a Grosseto un incontro per sensibilizzare i giovani

Biliotti, segretaria generale Ust Cisl Grosseto: “Abbiamo il dovere di capire meglio come prevenire il disagio giovanile e gli eventuali pericoli"

di Giorgia Carantonis
0 commento 33 views

Una mattinata dedicata alla discussione su violenza di genere e bullismo ha visto la partecipazione di studenti e rappresentanti locali alla tavola rotonda “Bando al bullo: il coraggio è la voce dei giovani”.

L’evento, promosso dalla Cisl Grosseto insieme al Centro studi formazione Cisl, il Dispi (Dipartimento di scienze politiche e internazionali di Siena) e la Fondazione polo universitario grossetano, ha riunito diverse figure chiave della comunità per affrontare temi cruciali per i giovani.

Anche quest’anno – ha spiegato Katiuscia Biliotti, segretaria generale Ust Cisl Grosseto – abbiamo voluto riproporre – in collaborazione con l’Università di Siena, il Centro studi formazione Cisl e la Fondazione polo universitario grossetano attraverso un progetto di peer educator un punto fondamentale dell’agenda 2030, ovvero la disparità di genere. Questo perché ci sembra oggi più che mai un argomento sentito per gli accadimenti che purtroppo ci hanno sconvolto nell’ultimo periodo e con questa tavola rotonda abbiamo voluto interagire con gli studenti per capire la loro sensibilità e i loro pensieri a riguardo. I soggetti del nostro territorio, in primis le organizzazioni sindacali, hanno il dovere di cercare di capire meglio cosa fare per prevenire il disagio giovanile e anche gli eventuali pericoli”.

L’evento si è tenuto nell’aula magna della Fondazione polo universitario grossetano e ha visto la partecipazione delle classi IIIAtg, IIIBtg, IVAtg e IIIB del Polo Bianciardi e della IVH del liceo Scientifico di Grosseto. Tra i partecipanti, oltre alla segretaria generale Ust Cisl Grosseto, Katiuscia Biliotti, che ha aperto i lavori, vi erano anche Daniela Fumarola, segretaria generale nazionale aggiunta Cisl, Mattia Pirulli, reggente Usr Cisl Toscana, Valentino Visconti, vicepresidente della Provincia di Grosseto, Margherita Procopio, vicedirigente della divisione Anticrimine della Questura di Grosseto, Nicoletta Farmeschi del Provveditorato, Alessandra Viviani, professoressa del Dipartimento di scienze politiche internazionali Unisi, Marco Lai, direttore del Centro studi Cisl, Gabriele Marini, provveditore agli studi, Ettore Innocenti, formatore del Centro studi Cisl, e i tutor Ilenia Costa e Franco Ferrari.

Gli studenti delle scuole medie grossetane hanno partecipato attivamente, presentando elaborati su bullismo e violenza di genere, mostrando grande collaborazione.

Questo incontro – ha concluso Biliotti – è il proseguimento di ciò che abbiamo cominciato lo scorso anno e che vogliamo continuare a fare, perché la collaborazione con gli studenti e il farli sentire protagonisti è essenziale per cercare di risolvere davvero il problema del disagio giovanile. Adesso dobbiamo subito cominciare a lavorare, forti del lavoro svolto fin qua, ai progetti del prossimo anno. Ci tengo a fare un ringraziamento particolare ai presidi e agli insegnanti che hanno creduto nel progetto”.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

* Utilizzando questo form si acconsente al trattamento dati personali secondo norma vigente. Puoi consultare la nostra Privacy Policy a questo indirizzo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare

Le tue preferenze relative alla privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy