CronacaGrossetoIn evidenza

Grosseto: ubriaca al volante semina il panico in città e ferisce tre agenti

Ha trascorso la serata alzando un po’ troppo il gomito, poi si è messa alla guida della sua Fiat Cubo ed ha seminato il panico per le vie di Grosseto, costringendo i Carabinieri ad un frenetico inseguimento durato quasi un’ora e ferendo tre agenti che ha tentato di investire.

La protagonista è una donna di 39 anni, operaia e residente a Grosseto con la famiglia.

Stanotte, intorno alle 3, alla caserma di piazza La Marmora sono arrivate alcune telefonate di cittadini che segnalavano un’auto che sfrecciava a forte velocità per le vie cittadine.

A quel punto, una pattuglia del Norm di Grosseto si è messa alla ricerca dell’autista spericolata, che è stata rintracciata poco dopo in via Papa Giovanni XXIII.

Quando un Carabiniere è sceso per fermarla, la donna ha ingranato la retromarcia e ha colpito lievemente il militare, poi è fuggita a tutto gas.

Le forze dell’ordine si sono messe all’inseguimento della vettura che, raggiungendo in certi casi anche la velocità di 80 km/h, ha tentato di seminarli in alcune strade del quartiere di Gorarella, fino ad arrivare in via Brigate Partigiane.

La 39enne, affatto intimorita dalle auto dei Carabinieri che la tallonavano a breve distanza, ha imboccato controsenso un’altra via, poi si è diretta verso viale Sonnino ed ha inchiodato improvvisamente, così da scontrarsi con una macchina dell’Arma.

Nel frattempo, gli uomini del Norm sono stati supportati anche dai colleghi della Polizia e cinque macchine delle forze dell’ordine hanno tentato di fermare quella folle corsa.

Giunti in piazza La Marmora, la Fiat ha tamponato un’auto della Polizia, quindi ha provato nuovamente ad investire un Carabiniere.

Poi, la donna ha proseguito la sua fuga verso Marina di Grosseto, sbattendo contro alcune auto parcheggiate, è sfrecciata lungo via della Repubblica, tamponando una vettura della Polizia ed un’altra dei Carabinieri, che provavano inutilmente a tagliarli la strada, per dirigersi infine in via Davide Lazzeretti, una strada a sfondo chiuso nei pressi dell’ippodromo.

Qui, l’emula di Schumacher ha dovuto desistere, in quanto è stata circondata da altre auto delle forze dell’ordine.

Nonostante fosse ormai con le spalle al muro, la 39enne ha provato a speronare ancora altre macchine degli agenti, poi è stata fermata, opponendo un’iniziale resistenza ai militari che stavano per arrestarla.

Sottoposto ad alcooltest, alla donna, completamente ubriaca e fuori di sé, è stato riscontrato un tasso alcoolico di quasi due milligrammi per litro.

La 39enne è finita in manette con l’accusa di resistenza a pubblico ufficiale, danneggiamenti, lesioni personali e guida in stato di ebrezza., e stamani sarà processata per direttissima.

Complessivamente, nell’inseguimento sono rimasti lievemente feriti un Carabiniere e 2 poliziotti, che hanno dovuto ricorrere alle cure del Pronto soccorso per alcune contusioni.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button