Pubblicato il: 7 Marzo 2013 alle 10:00

Cultura & Spettacoli

Grosseto: “La Traviata” di scena venerdì al Teatro Moderno

“La Traviata”, una delle più celebri opere di Giuseppe Verdi, sarà di scena al Teatro Moderno di Grosseto domani, alle 21.15.

Si tratta di un appuntamento promosso dall’associazione ligure “Ritorno all’Opera”, che da oltre sei anni lavora nel campo della lirica, ottenendo importanti riconoscimenti e allestendo numerosi spettacoli e opere in teatri e borghi italiani.

“L’associazione nasce con lo scopo di valorizzare e diffondere la musica lirica in tutte le sue possibili manifestazioni organizzando concerti, conferenze, corsi di studio, ma, soprattutto, l’opera lirica nella forma più completa con allestimento scenico. – afferma il presidente Ivan MarinoSi avvale di collaborazioni con soggetti già presenti e già qualificati nel panorama dell’organizzazione lirica italiana così da offrire sempre quelle garanzie di qualità necessarie alla piena riuscita degli spettacoli da realizzare. Tra gli scopi principali di ‘Ritorno all’Opera’ prevale la valorizzazione di giovani cantanti di sicuro talento ai quali vengono offerte importanti possibilità di realizzazioni professionali.”

L’opera di Verdi sbarca dunque a Grosseto, in occasione delle festività dedicate ai 200 anni dalla nascita del celebre compositore.

Ivan Marino, direttore artistico di “Ritorno all’Opera”, proporrà un allestimento con artisti d’eccezione.

Il ruolo di Violetta Valery sarà interpretato dal soprano Stefanna Kybalova, che si è imposta all’attenzione del mondo della lirica internazionale anche grazie allo straordinario debutto nel ruolo di Violetta avvenuto nel luglio 2011, nell’allestimento ideato davanti alla casa natale di Giuseppe Verdi, a Roncole.

Il tenore Valter Borin vestirà i panni di Alfredo: vincitore del concorso per giovani cantanti lirici “Ferruccio Tagliavini” di Graz nel 1999, da quel momento Borin si impone definitivamente all’attenzione internazionale come uno dei giovani cantanti più versatili.

Il baritono Sergio Bologna interpreterà Germont padre: baritono carrarese, Bologna vince i concorsi “Iris Adami Corradetti” e “Città di Roma”, vestendo negli anni ruoli dal belcanto sino al repertorio verdiano e pucciniano.

Alla direzione, Stefano Giaroli: dopo l’Orchestra da Camera dei Concerti d’Autunno, ha fondato nel 2003 l’Orchestra Sinfonica “Cantieri d’Arte”, con lo scopo di valorizzare giovani musicisti provenienti principalmente dall’Emilia Romagna.

La regia sarà di Pierluigi Cassano: laureatosi con lode al Dams di Bologna, si specializza nella regia di opere liriche con celebri registi come Beppe de Tomasi. Debutta nel 2002 a Basilea (Svizzera) con “Le nozze di Figaro” e in seguito mette in scena quasi tutti i grandi titoli del repertorio, in Italia e all’estero.

Per le prevendite dei biglietti e per eventuali informazioni, è possibile contattare il Teatro Moderno, in via Tripoli 35 a Grosseto, al numero di telefono 0564.22429, o il circuito “Box Office Toscana”, al numero 055.210804.

I biglietti sono acquistabili anche online, sui siti www.boxofficetoscana.it e www.boxol.it.

Il costo dei biglietti è di 37 euro per il primo settore del teatro e di 32 euro per il secondo.

Per informazioni, è possibile contattare anche Ivan Marino, presidente di “Ritorno all’Opera”, al numero 338.8771096; Piermaria Ciuffarella, membro dell’ufficio stampa di “Ritorno all’Opera”, al numero 338.6176718 e all’indirizzo e-mail [email protected]

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su