Pubblicato il: 15 Gennaio 2019 alle 14:28

Politica

Vendita immobili Provincia, il Pd: “Da Vivarelli Colonna solo propaganda e numeri gonfiati”

Numeri e soltanto numeri quelli snocciolati dal nostro presidente della Provincia Vivarelli Colonna sulla vendita degli immobili presenti sul territorio provinciale“.

A dichiararlo è Giuseppe Conti, capogruppo del Pd nel Consiglio comunale di Roccalbegna.

“Posso anche comprendere che le imminenti elezioni amministrative che si svolgeranno nella prossima primavera in vari Comuni della nostra provincia contribuiscano ad aumentare l’ansia da risultato di Vivarelli Colonna, ma quando si affrontano temi importanti quali la sicurezza sulle strade e nelle scuole, la propaganda elettorale andrebbe messa da parte a vantaggio della chiarezza e della trasparenza nei confronti dei cittadini – spiega Conti -. Come sicuramente saprà il nostro presidente della Provincia, il 10% dei proventi che derivano dalle alienazioni degli immobili pubblici sono vincolate per legge e destinate a ridurre il debito dell’Ente da lui amministrato da oltre due anni. Ciò significa che quasi 500mila euro della somma annunciata con tanta enfasi, non potranno essere utilizzati per rifare le strade e mettere in sicurezza l’edilizia scolastica. Questo si è dimenticato di dirlo ai grossetani“.

“Se consideriamo poi la crisi ormai perdurante nel settore delle compravendite immobiliari, che esiste una reale possibilità che le aste vadano deserte e che in caso di eventuali offerte si debba sottrarre i cospicui ribassi d’asta proposti, quelli che restano sono pochi spiccioli rispetto a quanto dichiarato. Propaganda quindi e nulla di più da parte di un presidente della Provincia che, oltre a denunciare i disagi ed i pericoli costanti per i cittadini, seppur nelle difficoltà in cui si trovano tutte le amministrazioni pubbliche, riesce soltanto a fare annunci e a non dare soluzioni a problemi reali – termina Conti -. Purtroppo per vedere realizzare interventi risolutivi sulle strade della provincia e nelle strutture scolastiche, i grossetani dovranno attendere ancora“.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su