Agricoltura

Pensioni, la Cia: “Grazie alla nostra petizione, più dignità ad anziani e agricoltura con la Legge di stabilità”

La Legge di stabilità per il 2017 ha accolto le richieste attorno alle quali l’Anp-Cia aveva raccolto 100.000 firme. E’ un primo importante risultato che inverte una tendenza in atto da 9 anni, durante i quali addirittura il tema pensioni era scomparso dal dibattito politico“.

Sono le parole con cui Gianfranco Turbanti, presidente dell’Anp-Cia di Grosseto, ha commentato le novità introdotte sulle pensioni dalla nuova Legge di stabilità.

È un primo passo verso la restituzione di un minimo di dignità ad un settore tanto bistrattato negli ultimi anni – continua Turbanti -, che permetterà a molti agricoltori in pensione di godersi finalmente il giusto riposo senza essere costretti a continuare a lavorare anche in età avanzata“.

Le novità

Le novità previste dalla nuova normativa sono il riconoscimento della 14^ mensilità per i pensionati sotto i mille euro mensili; l’aumento, anche se piccolo, di chi già gode della 14^, l’innalzamento della no tax area ad 8125 euro l’anno e l’aumento della dotazione finanziaria per i servizi sociali, sanitari e la non autosufficienza.

Sono successi che ci danno grande soddisfazione – spiega Turbanti e che premiano il lavoro dell’Anp-Cia. Ora si tratta di continuare nella nostra azione per restituire all’agricoltura e a chi ci lavora con amore e passione la dignità che meritano“.

L’Anp-Cia continuerà la propria iniziativa per ottenere importi minimi di pensione pari agli standard europei (40% del reddito medio nazionale); l’armonizzazione del carico fiscale sulle pensioni con quello del lavoro dipendente e la loro indicizzazione con parametri più aderenti ai consumi degli anziani, la garanzia di una pensione integrata al minimo ai coltivatori diretti e Iap in attività dal 1996; un invecchiamento attivo e sano anche attraverso livelli adeguati di sanità, servizi sociali, e di lotta alla povertà.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button