Cronaca

Entra in un ristorante e ruba bottiglie di birra: riconosciuto dai proprietari e denunciato

Il protagonista della vicenda, accaduta il 13 febbraio scorso, è un marocchino di 22 anni

E’ entrato dentro un ristorante, ha rubato dieci bottiglie di birra artigianale ed è fuggito, ma, grazie ad una minuziosa attività investigativa dei Carabinieri e ad alcune testimonianze, è stato scoperto.

Il protagonista della vicenda, accaduta il 13 febbraio scorso, è un marocchino di 22 anni.

In quell’occasione, alle 3, il titolare del ristorante “Il Grottaione”, situato nel centro del paese, era stato avvisato da un’abitante di Scansano che alcuni ignoti stavano entrando all’interno del locale.

L’uomo e il figlio si erano recati immediatamente sul posto e avevano sorpreso il marocchino, già noto in paese, pluripregiudicato e già gravato dalla misura dell’avviso orale emesso dal Questore nel 2017.

Il giovane era aggrappato alla grondaia del ristorante, dopo aver rubato dieci bottiglie di birra artigianale. I titolari avevano richiesto l’intervento dei Carabinieri, che giungevano poco dopo sul posto, ma intanto il ladro era già riuscito a fuggire.

A detta dei testimoni, il marocchino risultava essere palesemente ubriaco e il sopralluogo da parte di Carabinieri aveva accertato che il ladro era entrato nel ristorante da una porta di legno posta sul retro del locale.

I Carabinieri avevano fatto scattare immediatamente le indagini e hanno iniziato ad ascoltare i testimoni, fra cui la donna che aveva visto il giovane entrare nel locale. Sentiti anche i titolari, successivamente i militari dell’Arma hanno fatto vedere ai testimoni alcune foto dei possibili responsabili del furto. I tre, la donna e i titolari del ristorante, hanno riconosciuto l’autore del reato.

Sabato scorso, l’uomo è stato denunciato alla Procura della Repubblica per furto aggravato in esercizio commerciale

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button