Pubblicato il: 8 Luglio 2016 alle 15:14

CronacaGrossetoIn evidenza

Tentano furto in appartamento: messe in fuga dalla proprietaria, fermate alla stazione

Hanno provato a rubare all’interno di un appartamento, ma sono state messe in fuga dalla proprietaria; quindi, sono state fermate dalla Polizia ferroviaria mentre stavano per prendere un treno.

Le protagoniste della vicenda, accaduta martedì scorso a Grosseto, sono due ragazze di 20 e 18 anni, entrambe di origine croata.

Intorno alle 20, gli agenti della Polizia ferroviaria di Grosseto sono stati avvisati dalla centrale operativa della Questura di Grosseto di un tentato furto in abitazione avvenuto poco prima in via Etruria.

Il furto

Le due giovani erano entrate nell’appartamento forzando la porta d’ingresso, senza accorgersi che, all’interno dell’abitazione, c’era la proprietaria che dormiva.

Le due croate sono state trovate dalla Polizia alla stazione, mentre stavano per prendere un treno per Livorno, e sono state perquisite: con loro avevano arnesi atti allo scasso, tra cui alcuni grandi cacciaviti, che sono stati sequestrati.

Entrambe le giovani sono state anche riconosciute dalla proprietaria dell’abitazione nella quale erano entrate.

Da ulteriori accertamenti, è risultato che le due ragazze, che avevano cambiato più volte alias, avevano alle spalle numerosi precedenti reati per furti in appartamento.

Inoltre, su uno degli alias della ragazza di 18 anni pendeva un ordine di carcerazione emesso dal Tribunale di sorveglianza di Brescia.

Nel marzo del 2015, la 18enne era evasa dagli arresti domiciliari, rendendosi irreperibile.

La sua fuga è terminata alla stazione ferroviaria di Grosseto: da qui, per disposizione dell’Autorità Giudiziaria, è stata rinchiusa nel carcere femminile di Civitavecchia.

Entrambe le donne sono state denunciate a piede libero per il tentato furto in appartamento.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su