Politica

Negozi chiusi a Pasqua, Fratelli d’Italia: “Ennesimo colpo inferto a imprese e cittadini”

Il governatore della Toscana dà il colpo di grazia alle imprese e alle partite Iva con questa ennesima e scellerata scelta. Giani ritiri subito l’ordinanza o presenti immediatamente la variazione di bilancio per assicurare un ristoro adeguato a tutte le attività che ha deciso di sacrificare“.

A chiederlo a gran voce sono Fabrizio Rossi, coordinatore regionale di Fratelli d’Italia, Francesco Torselli, capogruppo di Fratelli d’Italia in Consiglio regionale, e Vittorio Fantozzi, consigliere regionale di Fratelli d’Italia e vicepresidente della commissione sviluppo economico.

Ancora una volta in fatto di tempestività il governatore Giani è davvero imbattibile – commenta Fabrizio Rossi, al quale si aggiunge Bruno Ceccherini, responsabile provinciale di Fratelli d’Italia Grosseto -. Un provvedimento, quello dell’ordinanza regionale che di fatto chiude tutte le attività commerciali per Pasqua e Pasquetta, del quale nutriamo molte perplessità sull’effettiva efficacia, ma, a nostro avviso, sicuramente irrispettoso per chi come i gestori di piccoli negozi di alimentari, gastronomie, rosticcerie e quant’altro, aveva programmato acquisti di derrate alimentari per beni di consumo e deperibili per le prenotazioni ricevute e che adesso dovranno sicuramente buttar via“.

“Ma l’assurdo sta poi nel testo dell’ordinanza stessa, dove si legge che verrebbe permessa la consegna a domicilio previa prenotazione telefonica od online. Chi partorisce queste ordinanze ha mai lavorato? Si rende conto dei sacrifici che queste categorie stanno facendo in questo momento?. Con tutti i comparti sotto pressione da mesi e già impossibilitati a lavorare normalmente per via delle zona rosse e arancioni – concludono Fabrizio Rossi e Bruno Ceccherini, adesso, con quest’ordinanza, tra l’altro diffusa a meno di quarant’ore dalla Pasqua e dalle chiusure e per di più senza nessun preavviso, ci sembra l’ennesimo e irrispettoso schiaffo alle attività commerciali della nostra regione“.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button