Politica

Fratelli d’Italia aderisce alla piattaforma programmatica del Forum delle Associazioni Familiari

Fratelli d’Italia aderisce ai sette punti della piattaforma programmatica che il Forum delle Associazioni Familiari ha proposto ai candidati maremmani alle prossime elezioni politiche.

Ecco il comunicato con cui Fabrizio Rossi, coordinatore provinciale del movimento politico, dichiara la sottoscrizione del documento da parte del suo partito:

“Sottoscriviamo con molto piacere l’appello che il Forum delle Associazioni Familiari ha voluto inviare a tutti i partiti che si candidano al governo del paese. Fratelli d’Italia crede nella famiglia come cellula primaria della società, secondo l’accezione che Giovanni Paolo II ha coniato durante il suo apostolato ed al fianco delle associazioni che promuovono la famiglia e le politiche volte a tutelarla.

La situazione di forte crisi che l’Italia sta attraversando impatta in modo diverso sui cittadini, aumenta il divario sociale, non consente ai giovani di pensare in prospettiva, lasciandoli nell’incertezza su più fronti, compreso il progetto di fare famiglia. Una battaglia antica e moderna per alleggerire il carico fiscale proporzionalmente al numero dei familiari.

Introduzione del quoziente familiare come criterio di selezione per le agevolazioni, secondo un’attenta valutazione delle condizioni della famiglia. Tale proposta propone sconti sulle tariffe basati su parametri che riducono il valore Isee. Riguardano il numero dei figli, l’età, la condizione di disoccupazione e la presenza di disabilità in famiglia.

Rivedere la legge 194 sull’aborto: ribadendo il nostro no all’aborto, ma la legge è finora inapplicata nella parte che tenta di rimuovere le cause economiche e sociali che portano a rinunciare alla maternità.

Iva al 4% sui prodotti per l’infanzia.

Potenziamento dell’offerta pubblico-privata degli asili nido, anche mediante la promozione di forme associative di gestione, fondate su un patto di solidarietà tra le famiglie e nel pieno rispetto del principio di sussidiarietà.

Introduzione di una concreta politica abitativa per le giovani coppie. Rifinanziamento del Fondo di garanzia per l’acquisto della prima casa per le giovani coppie e i precari

Rivendichiamo la tutela della famiglia intesa come nucleo fondato sull’unione di un uomo e una donna cui riteniamo debba essere esclusivamente destinato il compito di crescere figli naturali o adottivi”.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button