Pubblicato il: 4 Giugno 2019 alle 9:54

Cultura & SpettacoliGrosseto

“Io, Khaled, vendo uomini e sono innocente”: il libro sul traffico dei migranti presentato a Grosseto

Negli ultimi anni sono state raccontate centinaia di storie di migranti. Si è raccontato poco, però, dei trafficanti.

Mercoledì 5 giugno, alle 18, alla Libreria delle Ragazze, in via Fanti 11/b, a Grosseto, sarà presentato il libro “Io, Khaled, vendo uomini e sono innocente“, di Francesca Mannocchi (Einaudi editore).

«Ci chiamano mercanti della morte, immigrazione clandestina, la chiamano. Io sono la sola cosa legale di questo Paese. Prendo ciò che è mio, pago a tutti la loro parte. E anche il mare, anche il mare si tiene una parte della mia mercanzia». Negli ultimi anni sono state raccontate centinaia di storie di migranti. Si è raccontato poco, però, dei trafficanti.

Il tabù lo ha rotto l’inviata de L’Espresso Francesca Mannocchi, e lo ha fatto con la potente forma della narrativa: un racconto in cui Khaled parla in prima persona, rivelandosi vittima e carnefice insieme. Khaled ha poco piú di trent’anni, ha partecipato alla rivoluzione per deporre Gheddafi, ma la rivoluzione lo ha tradito. Cosí lui, che voleva fare l’ingegnere e costruire un nuovo stato, è diventato invece un anello della catena che gestisce il traffico di persone. Organizza le traversate del Mediterraneo, smista donne, uomini e bambini dai confini del Sud fino ai centri di detenzione: le carceri legali e quelle illegali, in cui i trafficanti rinchiudono i migranti in attesa delle partenze, e li torturano, stuprano, ricattano le loro famiglie. Khaled assiste, a volte partecipa. Lo fa per soldi, eppure non si sente un criminale. Perché vive in un paese dove il confine tra bene e male non si distingue più.

«È come una droga Murad. Vai avanti e basta. Sempre più persone coinvolte, sempre più armi, sempre più soldi. L’olio che fa girare la macchina sono i negri. Il vero oro della nostra Libia. Non posso più fermarmi adesso, so che lo capiresti, mi hai detto di correre, di guardarmi le spalle e rimanere vivo, e continuo a correre da allora. So che ho bisogno di rimanere forte, ho visto cosa fanno ai deboli. E non voglio finire così».

Francesca Mannocchi, reporter freelance e giornalista esperta di Nord Africa e di Medio Oriente, collabora con numerose testate, italiane e internazionali. Ha realizzato reportage da Libia, Iraq, Libano, Siria, Tunisia, Egitto, Afghanistan. Ha vinto il Premio Giustolisi con un’inchiesta sul traffico dei migranti e sulle carceri libiche e il Premiolino 2016. Come regista ha realizzato insieme ad Alessio Romenzi il documentario “Isis, Tomorrow,” presentato alla 75esima Mostra internazionale del cinema di Venezia.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su