Pubblicato il: 9 Luglio 2019 alle 13:21

AmbienteColline Metallifere

Lotta all’abbandono dei rifiuti: in azione la fototrappola mobile ad infrarossi

La fototrappola raccoglie e registra le immagini che permettono di identificare i trasgressori

Prosegue l’impegno dell’amministrazione comunale di Monterotondo Marittimo in campo ambientale: il sindaco ha firmato un’ordinanza per l’utilizzo da parte della Polizia municipale della fototrappola mobile a infrarossi attiva giorno e notte. L’obiettivo è quello di prevenire e contrastare il fenomeno dei comportamenti illeciti nel conferimento di rifiuti.

La fototrappola raccoglie e registra le immagini che permettono di identificare i trasgressori attraverso foto ad alta risoluzione e video in HD, anche in notturna, essendo dotata di led ad infrarossi completamente invisibili.

La fototrappola è azionata da tecnologia pir al solo passaggio di persone animali o veicoli e sarà posizionata a rotazione in diverse postazioni: nei pressi dei cestini stradali o dei cassonetti, nei luoghi dove solitamente vengono abbandonati rifiuti, nei parchi e nei giardini.

I dati raccolti e registrati in automatico saranno trattati in modo pertinente e non eccedente rispetto alla finalità di utilizzo della strumentazione e conservati al massimo per 7 giorni, fatta salva la loro conservazione prolungata per fini di polizia giudiziaria o indagine penale.

L’incaricato del Comune che prenderà in visione le immagini di fatti identificativi di ipotesi di reato o elementi rilevanti ai fini della sicurezza pubblica dovrà informare tempestivamente il responsabile del servizio di Polizia locale o le Forze dell’ordine.

Grazie a questo ulteriore strumento di monitoraggio – afferma l’assessore Emi Macrini – avremo riscontri puntuali su quanto avviene nelle zone più critiche per individuare i responsabili di conferimenti sbagliati o di veri e proprio illeciti, come nel caso dell’abbandono dei rifiuti“.

Crediamo sia utile anche ai fini della prevenzione – aggiunge il sindaco Giacomo Terminepoiché la presenza della fototrappola può diventare un deterrente per impedire il radicamento di situazioni che alla lunga potrebbero portare a problematiche igienico sanitarie e di pericolosità, causate dal deposito incontrollato di spazzatura. Del resto il servizio di pulizia straordinaria e di ritiro dei rifiuti abbandonati ha un costo che ricade totalmente sul Comune se non si individuano i responsabili, poiché richiede un intervento straordinario di Sei Toscana”.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su