Politica

Approvata la mozione sul Caregiver, esulta Forza Italia: “Sostegno per le famiglie con disabili”

Continua l’impegno di Forza Italia  in Consiglio regionale.

Questa volta a beneficiare dei frutti della battaglia di Forza Italia, se la giunta di centrosinistra e il Governo porteranno avanti i l’impegno preso, saranno anche i cittadini grossetani che in famiglia hanno una persona disabile o con gravi patologie.

E’ stata infatti approvata all’unanimità dal Consiglio regionale la mozione di Stefano Mugnai sul riconoscimento nazionale del Careviger familiare.

Anche il coordinamento provinciale del partito azzurro, Sandro Marrini, sostiene questo tipo di azione, che sarebbe un grande passo avanti per tre milioni di persone in Italia – tante anche in Maremma – che, nel contesto familiare devono aiutare e sostenere una persona malata.

“La mozione, con qualche emendamento, è stata apprezzata e valutata positivamente da tutte le forze politiche dell’assemblea regionale – dichiara il coordinatore provinciale di Forza Italia, Sandro Marrini: è un passo avanti per il riconoscimento dei diritti del malato, soprattutto dei disabili e dei disabili gravi, come anche i malati di Alzheimer. Questa è la vera collaborazione tra forze politiche, che vede l’opposizione come forza propositiva e va oltre ogni schieramento“.

In ritardo rispetto ad altri Paesi europei, la valorizzazione del Caregiver equivale ad accrescere giustizia sociale nel nostro sistema di welfare: “E’ stato un gesto giusto e doveroso – dichiara Stefano Mugnaiquello di riconoscerne di fatto i diritti quali l’informazione, la formazione, il sollievo e il supporto nelle emergenze, la valorizzazione delle competenze acquisite, forme di defiscalizzazione delle spese di cura e politiche di conciliazione, e di promuovere l’emanazione di una legge nazionale ad hoc sulla questione”.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button