Pubblicato il: 2 Dicembre 2019 alle 16:43

Castiglione della PescaiaPolitica

Pesca, Forza Italia lancia l’allarme: “Porto off limits, servono lavori urgenti”

da 2 settimane, oramai gran parte della flotta di pescherecci di Castiglione della Pescaia è costretta ad ormeggiare nel porto di Punta Ala"

L’allarme arriva proprio da coloro che tutti i giorni devono uscire in mare per guadagnarsi da vivere e poi rientrare in un porto sicuro: da 2 settimane, oramai gran parte della flotta di pescherecci di Castiglione della Pescaia è costretta ad ormeggiare nel porto di Punta Ala a causa insabbiamento dell’imboccatura del porto fino a 80/100 metri fuori“.

A dichiararlo è Giuseppe Temperani, pescatore e responsabile provinciale del settore pesca di Forza Italia.

“Situazione grave – sostiene Temperani, che si è venuta a creare dopo le recenti piene e non solo. Dalla parte di levante (faro verde) si è depositata la sabbia che la piena ha trasportato da quello che rimaneva della spiaggetta (30 metri), dalla parte di ponente (faro rosso) la solita sabbia, come diciamo (mai ascoltati da anni), viene depositata troppo vicina all’imboccatura, forse consigliata da uffici di competenza non all’altezza. In poche parole si è venuto a creare un banco di sabbia unico, compatto, dove il fondale oscilla tra 1,50/2 metri, praticamente insormontabile. Quindi si ritiene opportuno al più presto intervenire, visto la presenza della succhiona, per agevolare il ritorno al porto base dei pescherecci, facendo magari rientrare il tutto nell’ambito dell’emergenza regionale“.

Il supporto alla categoria pesca viene anche dal consigliere comunale del paese costiero Massimiliano Palmieri, esponente di Forza Italia, il quale vuole ricordare “che la succhiona era di proprietà del Comune di Castiglione. Sono state fatte molte critiche su di essa, che risultava costare troppo per la manutenzione e non essere idonea ai servizi che doveva svolgere; quindi è stata venduta. Ad oggi rivediamo la suddetta succhiona, presa in affitto per operare in qualche occasione“.

“La prima considerazione che mi viene in mente è forse perché era stata comperata da una parte di colore politico non attuale? O che non si era capito a cosa potesse servire quel mezzo da lavoro? Quel determinato mezzo serviva per risolvere il problema di insabbiamento nel nostro porto, non solo per far rientrare la flotta di pescherecci, ma anche per altre imbarcazioni che hanno pescaggio come il loro (barche a vela) – spiega Palmieri -. Mi viene in mente anche il disagio economico che può portare e porta al distributore di carburanti, visto che la flotta dei pescherecci deve andarsi a rifornire altrove. Approfitto per sottolineare i disagi e gli sforzi ingiustificati degli addetti alla pesca: dopo ore ed ore faticosissime di lavoro assiduo e notturno si ritrovano costretti a doversi rifornire di carburante troppo costoso. Ogni settimana devono, obbligatoriamente, recarsi al porto di Scarlino. I suddetti lavoratori hanno soltanto 3 posti per 5 pescherecci a Punta Ala“.

“Capite bene le forti criticità e le problematiche che ostacolano il lavoro di tutte queste persone, che da anni sono costrette a lavorare in pessime condizioni, nonostante rappresentino una risorsa primaria per la vita del nostro paese – termina Palmieri -. Ci auspichiamo che il prima possibile vengano ristabilite le profondità per la sicurezza del porto e magari venga rifatto un pensierino per riappropriarsi di una nuova succhiona“.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su