Home Follonica Verso le amministrative, Pecorini si presenta: “Credo in Follonica e nelle sue potenzialità”

Verso le amministrative, Pecorini si presenta: “Credo in Follonica e nelle sue potenzialità”

“La mia visione chiara: Follonica, una città dove vivere bene. Casa, lavoro, pianificazione territoriale. Eventi, sport e cultura. Questa è una città per cui vale la pena dare tutto se stesso”

di Redazione
0 commento 87 views

Follonica (Grosseto). Andrea Pecorini lancia la sua candidatura a sindaco di Follonica in una sala Allegri gremita e piena di entusiasmo.

Prima di iniziare è la musica del cantautore Simone Baldini Tosi – primo coup de theatre – a riscaldare l’atmosfera della Fonderia Leopolda.  Poi Andrea Pecorini, 53 anni, follonichese da sempre, vicesindaco uscente della Giunta Benini, sale sul palco emozionatissimo chiamato – ed è il secondo coup de theatre – dallo scrittore Sacha Naspini, che lo incalza subito chiedendogli il perché della scelta della sala Allegri.

“Eugenio è stato un comunicatore del teatro per tutti, un uomo semplice che credeva nel valore civico del teatro – spiega Pecorini -. Per questo sono qui, perché l’identità di Follonica nasce da questi luoghi e da qui voglio partire anche io per questa grande avventura che ci porterà alle elezioni dell’8 e 9 giugno”.

Poi sul palco arrivano anche Alessandro Ricciuti ed Enrico Calossi, che con Pecorini hanno condiviso il percorso delle primarie: “La loro presenza è la testimonianza della nostra unione in questo progetto politico che guarda al futuro”, dichiara il candidato.

A quel punto entra nel vivo la presentazione del candidato espressione del centrosinistra e Naspini, considerata la vigilia del 25 aprile, va a dritto: “Problemi a definirsi antifascista?“Questa data non è casuale: per me è scontato da sempre definirmi antifascista – dichiara Pecorini -. Ma prima ancora che come idea personale, io mi riconosco in pieno nei valori della Costituzione italiana e tra questi, chiaro e cristallino, c’è l’antifascismo. La libertà è il mio diritto di essere qui e non dimentico la storia che ci ha regalato questa libertà, né ora né mai”.

A chi lo ha punzecchiato parlando di “schemi” e della dicotomia “vecchio e nuovo”, Pecorini risponde che anche questo modo di vedere le cose tra vecchio e nuovo è l’ennesimo schema: “Per me non contano gli schemi, la differenza la fanno le persone e le proposte. Come è vero che il vecchio non è sempre sinonimo di migliore, la stessa cosa possiamo dirla anche per il nuovo. Io sono oltre tutto questo: io sono un uomo semplice, del fare, che ha lavorato da sempre per la città che ama, nella quale è cresciuto e nella quale ha fatto crescere i suoi figli. La mia esperienza e i miei valori mi permettono di avere una visione chiara di quella Follonica che deve esprimere tutte le sue potenzialità. Gli schemi, i contrasti, le polemiche su questi argomenti sono vuote”.

La Follonica di Andrea Pecorini è una città delle opportunità: “Si vive bene se si hanno delle opportunità per poterlo fare. In questi anni sono stati messi a sistema strumenti strategici che hanno iniziato a cambiare questa città, ma c’è da fare ancora molto, anche perché viviamo una società in continuo mutamento e compito degli amministratori è ascoltare, intercettare, pianificare e concretizzare. Una città delle opportunità è una città che cresce anche dal punto di vista demografico, dove i ragazzi non se ne vanno e dove l’attrattiva per vivere è grande”.

Con quali strumenti si può realizzare? “Casa, lavoro, pianificazione territoriale sono i pilastri che rendono migliore la qualità della vita dei cittadini – spiega Pecorini -. Il mio programma fatto sulle richieste delle cittadine e dei cittadini follonichesi individua percorsi chiari su questi argomenti. Edilizia convenzionata e poi sviluppo economico e turistico con la tutela del nostro bene più prezioso: la costa e il litorale; snellimento delle pratiche per nuovi insediamenti residenziali e commerciali; la rigenerazione urbana che è sinonimo di opportunità di lavoro e di decoro, anzi, di bellezza della nostra città; cura del verde pubblico; illuminazione; telecamere. Su questo abbiamo progetti chiari e definiti. Un pensiero fisso in questi mesi è dedicato alle 200 famiglie follonichesi in cassa integrazione per la crisi di Venator che seguiamo con preoccupazione e con vicinanza. Noi non ci dimentichiamo di questa grave situazione. Allo stesso tempo possiamo dire di avere lavorato instancabilmente all’arrivo di una grande e solida azienda sul territorio: Iren che porterà posti di lavoro e un grande indotto per la nostra città. Ma una città dove è bello vivere è anche una città sicura, curata e viva dove il tema del sociale, dei fragili, degli anziani, delle persone in difficoltà non è nell’ultima pagina del programma elettorale. Follonica è una città inclusiva e con un associazionismo molto vivace. Poi la cultura, lo sport, il Carnevale: questa città che molti guardano con ammirazione anche nel territorio ha dimostrato un grande valore con iniziative di altissimo livello.”

Alla conclusione dell’intervista, Andrea Pecorini si rivolge direttamente a Follonica: “Non mi nascondo dietro a un dito, io so che ci sono problemi irrisolti e di fronte a noi abbiamo una società che cambia. Ma io credo in Follonica, credo in questa città e nelle sue potenzialità. Credo che possiamo metterci a lavoro in modo concreto e senza tentennamenti, ogni giorno. Questa è una città per cui vale non dormire la notte. Crediamoci insieme”.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

* Utilizzando questo form si acconsente al trattamento dati personali secondo norma vigente. Puoi consultare la nostra Privacy Policy a questo indirizzo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare

Le tue preferenze relative alla privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy