Home Follonica Torna FolloWme, il festival di arte ai margini: il programma

Torna FolloWme, il festival di arte ai margini: il programma

di Redazione
0 commento 8 views

Come ogni anno torna a Follonica il festival FolloWme, che quest’anno si svolgerà in un periodo diverso alle precedenti edizioni: quello autunnale.

“Il festival si pone come un’eccellenza del nostro territorio perché riesce a convogliare sui temi dei margini il suo potente afflato – si legge in un comunicato del Comune di Follonica -. In una società sempre più indecisa sulla questione dei più deboli, sempre protratta alla ricerca di conferme e di forze che tendono a escludere o quantomeno a accantonare chi ha meno strumenti per farsi sentire, noi come amministrazione sentiamo il dovere di continuare a sostenere chi si propone attivamente perché queste voci non rimangano escluse. Lo facciamo con tutti i mezzi che abbiamo a disposizione e in particolare con il mezzo della cultura e dell’arte perché è lì che l’uomo ha dimostrato la sua differenza come specie e perché è lì che risiede la valvola per il cambiamento“.

“Ogni vera rivoluzione ha attinto dai margini per trovare la vera natura della rinascita. È nel confine che si cela il vero essere delle cose – continua il comunicato –. La nostra società sta cambiando radicalmente percorsi e processi e non possiamo più continuare a pensare con gli strumenti che andavano bene 40 anni fa. Dobbiamo considerare l’epoca che stiamo vivendo come una grande rivoluzione che ci chiama in causa per rivedere il nostro lessico e il nostro modo di affrontare i mutamenti. Così il progetto espositivo in pinacoteca propone due momenti di riflessione: il primo dedicato alla disabilità, grazie al lavoro intimo e forte di Giovanni Cocco; il secondo dedicato al mondo della migrazione e in particolare al viaggio delle donne eritree e alle loro storie personali. Ma il FolloWme è molto altro: è un circuito di relazioni che ci permette di conoscere e quindi di conseguenza ci aiuta a non temere nulla. ‘Dalla Vita non bisogna temere nulla. Bisogna solo capire.’ (Marie Curie)“.

Il programma

FolloWme, Festival arte ai margini, quest’anno si apre con un verso di Dino Campana “Le mie rose, le sue rose“, che suggerisce una specularità tra io e l’altro nella cui relazione la diversità è una scoperta, una spinta ideativa ed esplorativa sennoché un’apertura verso il mondo.

L’ottava edizione del FolloWme propone un format nuovo, dove prevalgono le esperienze artistiche che determinano delle azioni sociali e la costruzione di network tra associazioni nazionali ed internazionali.

L’inaugurazione, aperta dalla photo editor dell’Espresso Tiziana Faraoni, sarà sabato 16 settembre, alle 18, alla pinacoteca civica, con le mostre fotografiche “Monia” di Giovanni Cocco e “Muta il cielo” di Cinzia Canneri.

Le iniziative del Festival saranno molte e vedranno coinvolte molte associazioni locali, come Lav, RealGiallu, MultiversoArte, Olympia De Gouges.

Il Festival chiuderà al teatro Fonderia Leopolda con lo spettacolo “Fragili istruzioni di volo per il giardino che vorrei“, dei Gattopicchi, tenuto da Laura Scudella, Elisa Maggi e Simona Racaniello, in collaborazione con la Cooperativa Arcobaleno.

Lo spettacolo guiderà ad una proiezione del film “Being you being me” di Alexandra Kaufmann.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

* Utilizzando questo form si acconsente al trattamento dati personali secondo norma vigente. Puoi consultare la nostra Privacy Policy a questo indirizzo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare

Le tue preferenze relative alla privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy