Home Follonica Follonica: realizzata al Magma un’installazione interattiva con videoproiezione a parete

Follonica: realizzata al Magma un’installazione interattiva con videoproiezione a parete

di Roberto Lottini
0 commento 0 views

Nei giorni scorsi, si sono svolte nel suggestivo scenario del seminterrato del Forno San Ferdinando a Follonica le riprese di alcuni figuranti in abiti d’epoca per la realizzazione di un filmato multimediale dal titolo “Storie di lavoranti”.

Si tratta di un’installazione interattiva con videoproiezione a parete che farà parte del complesso allestimento multimediale del Magma e che racconta alcune biografie di lavoratori appartenuti alla prima metà dell’Ottocento.

La realizzazione di questa produzione video ha interessato in parte la realtà museale del “Hochofen Museum Radwerk IV” di Vordernberg, in Austria, e in parte proprio la città di Follonica e l’area dell’ex Ilva.

“Questo progetto è stato possibile grazie alla preziosa collaborazione del Laboratorio dello Spettacolo e del Follos 1838,  che hanno generosamente prestato la loro competenza e professionalità – afferma l’arch. Barbara Catalani, coordinatrice del Gruppo di Lavoro del Magma –  voglio ringraziare le persone di Gianni Fiorella, Diana Guidoni e in particolare la costumista Alessandra Gorelli, per la disponibilità dimostrata in questa delicatissima operazione. E anche le persone che si sono prestate come figuranti : Marzia Gambina, Monica Signori, David Temperini e Diria Ceccarelli del Laboratorio dello Spettacolo, nonché Bruno Scarpini e Winder Stalin Jimenez Nova”

“Questa esperienza ha dato prova ancora una volta del grande senso civico dei follonichesi – afferma il vicesindaco e assessore alla cultura, Andrea Benini che arricchisce il già grande patrimonio raccolto dal Museo della Ghisa. Il Magma sta nascendo grazie a questo grande senso di partecipazione e di corresponsabilità della nostra città, in tutte le sue espressioni con uno sguardo che partendo dalle risorse locali guarda lontano, al necessario respiro internazionale che avrà il Magma”.

Negli stessi giorni, il museo ha raggiunto un altro importante traguardo: una nuova fusione proveniente da una copia del modello dei delfini custoditi nei locali del Magma.

“Questa operazione rientra tra gli obiettivi del gruppo di lavoro che si occupa dei contenuti scientifici del museo – dichiara ancora Barbara Catalanie vuole testimoniare attraverso un breve documentario il complesso processo produttivo che dal modello ligneo conduce al getto in ghisa. La realizzazione di questo passaggio è merito di un lungo lavoro tra Follonica e una fonderia di Collesalvetti, che ha dei legami affettivi con la nostra storia. Contando sulla volontà e sulla sensibilità dell’ingegnere Federico Gelli, con l’aiuto di Rino Magagnini, è stato possibile vedere di nuovo in fonderia non solo i nostri modelli ma anche alcuni ex lavoratori come Giuliano Zacchini”.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

* Utilizzando questo form si acconsente al trattamento dati personali secondo norma vigente. Puoi consultare la nostra Privacy Policy a questo indirizzo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare

Le tue preferenze relative alla privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy