Follonica

Follonica, ulteriormente posticipate le scadenze di TARI E COSAP 2020

Come anticipato dal Commissario Tortorella nel tavolo economico #FollonicaRiparte del 28 aprile, oggi è stata adottata una delibera che riguarda i tributi comunali, ed in particolare Tari e Cosap, entrambe posticipate nelle scadenze.
Potranno beneficiare dei posticipi delle rispettive scadenze quelle attività, in pari con il pagamento dei tributi comunali pregressi, soggette a restrizioni e chiusure forzate per le azioni di prevenzione COVID-19, secondo i provvedimenti nazionali e cioè il DPCM 10 aprile 2020, il DPCM 26 aprile 2020 e il Decreto Legge “CuraItalia” 2 n.27 del 27 aprile 2020.

Ecco i punti salienti della delibera:
TARI 2020
– prima rata scadenza 1 giugno – posticipata al 30 settembre
– seconda rata scadenza 31 luglio – posticipata al 30 ottobre
– terza rata scadenza 30 settembre – posticipata al 30 novembre

COSAP 2020
– prima rata scadenza 1 giugno – posticipato al 30 settembre

AVVISI DI ACCERTAMENTO
– gli avvisi di accertamento, notificati ai contribuenti dal 3 marzo al 31 maggio, iniziano la decorrenza dei 60 giorni (tempo stabilito per effettuare il pagamento) a far data dal primo giugno.

“Avevamo già adottato un primo pacchetto con la delibera del 18 marzo – dice il Commissario Tortorellacon la quale avevamo posticipato la scadenza di tariffe, tasse e tributi locali al 1 giugno 2020.
Ma, come avevo già detto al tavolo per la ripresa economica della città, la situazione è cambiata, e adesso siamo nella Fase 2, forse con più certezze in termini di riaperture delle attività, ma con grande preoccupazione per la ripercussione economica generale di questo difficilissimo momento di emergenza epidemiologico, ancora in corso.
Questa nuova delibera, che ho appena firmato, si legge nell’ottica di un vantaggio per il territorio follonichese e per gli imprenditori locali.
Confido, comunque, che durante questa fase ci siano ulteriori interventi del Governo per alleggerire le imposizioni fiscali, ma il mio impegno si sta concentrando, in ogni caso, per valutare la fattibilità di eventuali riduzioni anche autonome.
Oltre ad aver sollecitato riduzioni tariffarie ad ATO Rifiuti e Acquedotto del Fiora, stiamo valutando riduzioni della COSAP, ma anche un aumento del suolo pubblico ad uso delle attività, svincolando l’aumento dall’incremento della tassazione stessa. Stiamo inoltre studiando una riduzione degli importi per la tassa sulla pubblicità e per gli abbonamenti del parcometro, che vanno ad incidere sui cittadini, dipendenti, turisti ma anche esercenti e strutture ricettive.
Colgo l’occasione per fare alcune precisazioni sulla TARI: la bollettazione 2020 della stessa è già arrivata ai cittadini solo perché era già stata spedita ben prima dell’emergenza COVID-19, e l’importo totale non ha subito variazioni rispetto al 2019, ma riporta solo una diversa distribuzione delle rate: quindi vi troverete una prima rata più alta ma un totale TARI esattamente uguale al 2019″.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button