AttualitàGrosseto

Un maremmano al Camp Nou: il fisioterapista Matteo Langella sbarca a Barcellona

La location è da brividi, per gli appassionati del genere e non solo: lo stadio Camp Nou, la casa del Barcellona, una delle squadre di calcio più celebri del pianeta.

L’appuntamento è dal 13 al 15 maggio: proprio il Camp Nou sarà sede del congresso internazionale di traumatologia e riabilitazione sportiva «The future of football medicine», organizzato da Isokinetic, Fc Barcelona e Fifa, cui è attesa la partecipazione di duecento relatori e di un pubblico di almeno duemila persone.

Gli esperti – fisioterapisti, ortopedici e specialisti di tutto il mondo – illustreranno tecniche di recupero per gli atleti e tra loro ci sarà anche il fisioterapista maremmano Matteo D’Angella, associato di Confartigianato Imprese Grosseto. Presenterà il suo studio sul trattamento della pubalgia, malattia professionale piuttosto comune tra i calciatori, con la tecnica Graston.

«E’ una tecnica statunitense molto particolare, unica in Italia – dichiara Matteo D’Angella, 35 anni –, importata per prima in Europa da un’azienda veneta, la Ability Group. A Barcellona presenterò uno studio proprio sulla Graston Technique, a proposito del trattamento della fascia e dei tessuti molli. Una tecnica innovativa perché l’utilizzo di questi strumenti sensibilizza maggiormente il fisioterapista nel trattamento, risparmiando l’utilizzo delle mani e dando al paziente un risultato immediato. Ci sono professionisti italiani che hanno iniziato a formarsi con questo tipo di tecnica, ma nessuno ha mai presentato uno studio sul trattamento e il recupero. Io l’ho fatto, occupandomi di una delle patologie comuni nei calciatori, la pubalgia».

Un primato, per D’Angella. «Ho inviato il mio studio agli organizzatori del congresso di Barcellona – racconta D’Angellae mi hanno accettato, quindi andrò a presentarlo. Mi confronterò con professionisti di fama mondiale, anche statunitensi: ci saranno i più grandi medici, ortopedici e fisiatri di tutte le maggiori squadre professionistiche del mondo, soprattutto di calcio. Infatti il congresso è focalizzato proprio sui trattamenti nel calcio. Per noi europei questa tecnica è un’innovazione e io la applico quotidianamente: mi sta portando grandi risultati».

Assieme a Matteo D’Angella sarà al Camp Nou anche il collega Sebastiano Zuppardo: gli unici due maremmani al congresso.

«Siamo particolarmente orgogliosi  – dichiarano Mauro Ciani e Gianluigi Ferrara, segretario generale e funzionario di Confartigianato Imprese Grosseto – del fatto che la professionalità tutta maremmana di Matteo D’Angella sia apprezzata al punto da essere richiesta in una sede di levatura mondiale. E’ l’ennesima dimostrazione concreta che la Maremma è terra di eccellenze in tutti i campi. Dunque, congratulazioni al nostro associato Matteo D’Angella: seguiremo sempre da vicino le sue performance professionali».

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button