Movimento franoso di Borgo: nuovo finanziamento della Regione per studiare i dissesti

Tra pochi giorni terminerà l’intervento integrativo di consolidamento eseguito su un tratto di via del Mattatoio, a Massa Marittima, e sono già in arrivo dalla Regione nuove risorse per approfondire ed affrontare il movimento franoso che interessa una parte di Borgo.

Dopo il tratto iniziale di via del Mattatoio con i lavori terminati nel 2015, dopo gli interventi di via Mascagni completati nel settembre 2018 e in attesa appunto che l’ulteriore tratto di via Mascagni, finanziato grazie alle economie su risorse assegnate precedentemente sia concluso, l’amministrazione comunale di Massa Marittima ha raggiunto un ulteriore importante risultato verso il contrasto della dinamica gravitativa che si esplica nell’ampio teatro di frana che si estende da via del Mattatoio e via Boito.

La Città del Balestro, dopo aver beneficiato su questo tema in questi ultimi 3 anni di ben 730.000 euro, anche quest’anno è stata infatti inserita dalla Regione nel Documento operativo della difesa del suolo 2019 ed ha ottenuto un finanziamento di 99.000 euro finalizzati ad uno studio dei dissesti gravitativi del versante compreso tra via Boito e via Verdi per le annualità 2019, 2020 e 2021. Entro il mese di maggio l’amministrazione comunale procederà con gli affidamenti che interesseranno i professionisti del settore: geologi, geometri, ingegneri, etc.

L’obiettivo della giunta comunale guidata dal sindaco Marcello Giuntini è quello, una volta terminata la fase di studio, di partire con il progetto esecutivo e i conseguenti lavori.

L’attenzione della nostra amministrazione verso questa annosa problematica – sottolinea l’assessore ai lavori pubblici Maurizio Giovannetti è evidente. In pochi anni abbiamo realizzato importanti interventi di consolidamento grazie ai finanziamenti regionali ottenuti con il nostro impegno e soprattutto con quello dei nostri uffici. Con questo nuovo finanziamento, che copre come in passato il 100% dei costi, continuiamo il nostro impegno nel contrasto al fenomeno franoso che interessa una vasta parte della città“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Top