Pubblicato il: 14 Novembre 2019 alle 12:51

GrossetoSalute

41 bambini prematuri nati in Maremma nel 2019: una festa dedicata a loro al San Francesco

Domenica 17 novembre ricorre la Giornata mondiale del prematuro

Domenica 17 novembre ricorre la Giornata mondiale del prematuro, istituita nel 2008 e riconosciuta dal Parlamento europeo grazie alla “European foundation for the Care of Newborn Infants”. Obiettivo: sensibilizzare sul tema, sottolineare il valore dell’assistenza e l’importanza della prevenzione dei fattori di rischio.

Nella Asl Toscana sud est, 1 bambino su 10 nasce prematuro. Sull’argomento, forte è l’impegno dell’Azienda, sia da un punto di vista assistenziale che di sensibilizzazione della cittadinanza. Il 16 novembre è in programma un seminario organizzato da Asl Toscana sud est e Aou Senese, dal titolo “Le cure perinatali in Area Vasta Sud Est”. Si terrà all’auditorium della Cassa edile di Siena ed è rivolto a tutti gli operatori che lavorano nell’ambito del percorso nascita.

Il seminario metterà a confronto molti temi che vedono impegnati i nostri professionisti quotidianamente – commenta Flavio Civitelli, direttore del Dipartimento Materno Infantile -. Si tratta di un momento di sintesi che proponiamo ogni anno a cui aderiscono in tanti. I temi trattati saranno soprattutto il trasporto neonatale protetto, il trasporto in utero per la mamma con gravidanza a rischio e la gestione delle gravi complicanze. L’evento certifica il valore della Rete neonatologica e del Percorso nascita aziendali, che ginecologi, ostetriche, infermiere e pediatri neonatologi hanno istituito con la collaborazione di tutte le strutture (Terapia intensiva e Rianimazione, Radiodiagnostica, Emergenza/Urgenza, Medicina di laboratorio e trasfusionale, Cardiologia, Oftalmologia, ecc). L’integrazione di Area Vasta con il terzo livello delle Scotte completa un quadro assistenziale che in termini di esiti e qualità delle cure costituisce un modello”.

Quest’anno, in occasione della Giornata del prematuro, la Patologia neonatale di Grosseto, coordinata dal dottor Marcello De Filippo, ha voluto dare maggiore risalto ai veri protagonisti di questa ricorrenza, ovvero i bambini prematuri e i loro genitori.

Domenica 17 novembre, dalle 15 in poi, nella sala della chiesa San Francesco, si terrà una festa per i piccoli prematuri e i loro genitori alla quale parteciperanno anche gli operatori sanitari che li accudiscono al Misericordia, al fine di creare un’occasione di incontro e confronto su un’esperienza comune. L’evento sarà arricchito da proiezione di foto e filmati e da un ricco buffet. Contemporaneamente in reparto ci sarà una merenda con i genitori dei piccoli ricoverati e la consegna delle creazioni dell’associazione Cuore di Maglia.

Nel 2019, fino a ottobre, sono 130 i neonati ricoverati in Patologia neonatale di Grosseto e di questi 41 sono affetti da prematurità.

L’assistenza al prematuro al Misericordia da molti anni si avvale di un team multidisciplinare composto da neonatologo, fisioterapista, neuropsichiatra, infermiera pediatrica, tecnico audiologico e pediatra di famiglia che prenderà in carico il neonato una volta a casa. Con questa gestione la famiglia è accolta e guidata, creando così un rapporto di fiducia ed empatia che va al di là dell’impegno professionale“, dichiara la dottoressa Susanna Falorni, direttore della Pediatria e Neonatologia del Misericordia.

Come riportano all’unanimità le linee guida nazionali e internazionali, l’età femminile al di sopra dei 35 anni costituisce un fattore di rischio per le principali e più gravi complicanze della gravidanza, come diabete gestazionale, ipertensione gestazionale e ritardo di crescita. Negli ultimi decenni si è assistito ad un progressivo incremento dell’età materna, che è passata da 25 a circa 37 anni. Secondo l’esperienza del Centro di procreazione medicalmente assistita (Pma) della Sud Est, l’età delle donne che ricercano tecniche di Pma è salita fino ad una media di 40 anni, tanto che nell’ultima delibera regionale l’età limite si è spostata da 43 a 46 anni. In aggiunta a questo, il 40% delle prestazioni riguardano l’eterologa femminile, legata alla ridotta riserva ovarica per età avanzata.

Questi dati evidenziano come siano in costante e rapido aumento le pazienti con età materna avanzata, che avranno quindi maggiore possibilità di configurare casi di gravidanza ad alto rischio, con necessità di ambulatori dedicati per una corretta assistenza di queste pazienti.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su