Colline MetallifereNotizie dagli Enti

Rifiuti: Emiliano Rabazzi confermato coordinatore dell’Area Grosseto Nord

Nel nuovo assetto l'organismo riunisce i Comuni di Campagnatico, Cinigiano, Civitella Paganico, Gavorrano, Massa Marittima, Monterotondo Marittimo, Montieri, Roccastrada

Conferma della nomina di coordinatore dell’Area omogenea di raccolta (Aor) Grosseto nord all’interno dell’Ato rifiuti Toscana Sud per Emiliano Rabazzi, assessore alle politiche ambientali di Roccastrada.

L’incarico è stato confermato nel corso dell’ultima riunione che si è svolta nei giorni scorsi. Rabazzi subentra a se stesso perché già nell’ottobre 2016 era stato nominato coordinatore dell’Aor Grosseto nord, composto dai Comuni di Follonica, Gavorrano, Massa Marittima, Monterotondo Marittimo, Montieri, Roccastrada e Scarlino. L’Aor è stato recentemente riorganizzato ed ha visto l’ingresso dei Comuni di Campagnatico, Cinigiano e Civitella Paganico e l’uscita di Follonica e Scarlino.

“Ringrazio i Comuni che fanno parte dell’Area omogenea di raccolta Grosseto nord per la fiducia – afferma Emiliano Rabazzi commentando il nuovo incarico -. L’Aor Grosseto nord è stata costituita alcuni anni fa all’interno dell’Ato rifiuti Toscana Sud e porta avanti un lavoro coordinato da parte di tutti i Comuni che ne fanno parte sul fronte delle politiche ambientali. L’obiettivo primario è andare oltre le logiche di ogni singola realtà e creare sinergie che possano aiutare le amministrazioni comunali a raggiungere le percentuali di raccolta differenziata fissate dalla Regione Toscana nel rispetto delle normative europee, pari al 70 per cento“.

Per raggiungere i traguardi che abbiamo di fronte – continua Rabazzi occorre un impegno collettivo, sia da parte degli enti locali che delle loro comunità, stimolando una crescente attenzione verso la tutela dell’ambiente e una corretta gestione dei rifiuti con azioni concrete e diversificate, capaci di coinvolgere tutti i cittadini. La sfida non è facile, ma siamo pronti a lavorare tutti insieme per vincerla“.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button