Colline MetallifereCultura & Spettacoli

“E di sostanza sferzante”: al via la mostra fotografica di Laura Priami e Simona Vannelli

La mostra sarà visitabile fino al 9 luglio

Sarà inaugurata sabato 25 giugno, a Massa Marittima, la mostra fotografica “E di sostanza sferzante,” a cura di Isabella Cruciani e Franco Profili. Esposti gli scatti fotografici di Laura Priami e Simone Vannelli.

La mostra racconta il viaggio di due fotografi – lei toscana, lui ternano – nei luoghi abbandonati, definiti di “Archeologia industriale”. Ambienti che un tempo hanno dato sostentamento alle nostre comunità, ora lasciati cadere su sé stessi perché non più funzionali alla crescita della moderna società.

Un’unica esposizione dislocata in due location: l’inaugurazione si terrà alle 17, al Museo della Miniera in via Filippo Corridoni e alle 18.30 al Bar Torrefazione da Gloria, in via Norma Parenti 35. La mostra è visitabile fino al 9 luglio.

Il progetto espositivo è di CavourArt, associazione di Terni, in collaborazione con ArteM, Narni e il Gfmm – Gruppo fotografico Massa Marittima, e il Comune di Massa Marittima, che ospita la mostra al Museo della Miniera.

Vannelli ben conosce la storia dello sviluppo industriale di Terni e gli effetti di una crisi che sembra non vedere mai fine. Priami vive nelle Colline Metallifere dell’Alta Maremma e ha vissuto in casa la realtà delle acciaierie e quella delle numerose miniere che ad un prezzo di vite altissimo hanno dato la vita nella sua terra.

Un rapporto profondo con la storia delle proprie terre che i due, poco dopo esserci conosciuti, hanno deciso di condividere andando ad affrontare insieme la sfida offerta da alcuni dei luoghi che la società ha deciso non fossero più necessari, né funzionali alla propria crescita.

Un viaggio in bianco nero per andare, senza le distrazioni e gli inganni offerti dal colore, al fondo della memoria collettiva. Laura Priami e Simone Vannelli, entrando nella storia in punta di piedi, destrutturano e scavano il panorama di quei luoghi. I loro scatti sono invasi da un senso mistico e di sospensione accentuato dall’uso del bianco e nero e dalla rappresentazione della realtà per frammenti.

La mostra è visitabile al Museo della Miniera, dal martedì alla domenica, dalle 11 alle 13 e dalle 15 alle 17. Chiusa il lunedì.

Al Bar Torrefazione da Gloria, dal lunedì al venerdì, dalle 7.30 alle 12.30 e dalle 16.30 alle 19.00. Il sabato dalle 7.30 alle 12.30. Domenica chiuso. Per appuntamento: cell. 334.1056632.

La mostra è già stata esposta a Narni. Dopo Massa Marittima, sarà a Rieti nel mese di luglio; Torreorsina ad agosto; Museo Hydra di Marmore (Terni) a settembre; Bassano in Teverina a ottobre e Deruta a novembre.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button