AttualitàColline del FioraCosta d'argentoGrosseto

150 quintali di foraggio alle zone terremotate: ecco il dono degli agricoltori maremmani

Ieri mattina, i volontari di Lega della Terra e Solidarietà Nazionale sono nuovamente partiti da Grosseto alla volta delle zone terremotate del centro Italia, per scaricare un camion di foraggio ad alcune aziende colpite dal sisma.

A poco più di un mese dalla prima consegna, siamo riusciti ad organizzarne una nuova, dando continuità a quanto avevamo già fatto, e raggiungendo l’obiettivo che ci eravamo preposti: essere veramente vicini ai nostri connazionali, palesemente abbandonati dallo Stato – dichiarano le due associazioni -. Abbiamo consegnato 150 quintali di foraggio e 5 quintali di mangime per gli animali a 4 aziende terremotate, che sono:

  • azienda agricola Cavezzi Angelo, Localictà Scai di Amatrice; 
  • azienda agricola Pettinari Fulvio, Località Castiglione di Montereale, L’Aquila;
  • azienda agricola Gentile Maiko, Frazione di Nommici, Amatrice; 
  • azienda agricola Di Girolamo Fabrizio, Località Grisciano, Accumoli“.

“Ringraziamo gli agricoltori maremmani per le donazioni in favore dei terremotati, in particolare le seguenti aziende della provincia di Grosseto – continua la nota -:

  • Manuel Carlini, Località Casotto dei Pescatori; 
  • Di Genova Mario, Albinia;
  • azeinda agricola Ripaccioli, Capalbio;
  • azienda agricola Bellagamba Bruno, Manciano;
  • azienda agricola Riccardo Funghi, Manciano;
  • azienda agricola Pampanini Stefano, Vallerana Alta, Capalbio;
  • azienda agricola Rovai Alessandro, Manciano;
  • azienda agricola Bruni Alessandro, Manciano;
  • Trotta Foraggi di Grosseto per il trasporto“.

Fortunatamente – conclude la nota, nonostante l’immobilismo e la totale assenza delle istituzioni, ci sono ancora italiani che non si arrendono e che non lasciano soli i propri connazionali nel bisogno. La felicità che abbiamo visto nei volti degli agricoltori terremotati è il più grande segno di riconoscenza e di gratitudine che qualsiasi parola possa esprimere“.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button