Colline MetallifereSalute

Ospedale Sant’Andrea: Insieme in Rosa Onlus dona un monitor al reparto di gastroenterologia

Uno strumento del valore di 13.500,00 euro, che servirà per rendere più sicuri e meno dolorosi gli esami endoscopici

Insieme in Rosa onlus ha donato un monitor al reparto di gastroenterologia dell’ospedale di Massa Marittima.

Uno strumento del valore di 13.500,00 euro, che servirà per rendere più sicuri e meno dolorosi gli esami endoscopici.

Tutto avviene con il ricavato della raccolta fondi 2019: proventi giunti dagli eventi organizzati dalla onlus, grazie alla collaborazione con le tante associazioni, che avevano permesso di raggiungere un’importante cifra da impiegare per migliorare la prevenzione, diagnosi e cura delle patologie oncologiche nel nostro territorio.

«Questo è il primo progetto che consegniamo anche con il contributo del gruppo delle fatine di Follonica – sottolinea Donatella Guidi, presidente dell’associazione – e sarebbe stato bello avere almeno le rappresentati dei vari gruppi per festeggiare questo traguardo, ma purtroppo non è stato possibile per colpa del coronavirus».

Ma un momento per Insieme in Rosa se lo sono ricavato i medici e gli operatori del reparto di endoscopia del Sant’Andrea, che ringraziano la onlus della strumentazione e ne spiegano l’impiego.

«Il monitor di Insieme in Rosa andrà nell’unità operativa semplice di endoscopia digestiva – afferma il dottor Tommaso Balestracci, responsabile del reparto –. Questo strumento permette di misurare alcuni parametri come elettrocardiogramma, pressione, quantità di CO2 respirati dal paziente: parametri che consentono di avere dei riferimenti importanti per cercare di fare esami con il minor fastidio possibile e di modulare il quantitativo dei farmaci per paziente, in sicurezza durante l’esecuzione degli esami endoscopici che rivestono un ruolo fondamentale per la prevenzione dei tumori del tratto gastro-intestinale».

Ringraziamenti sono giunti anche dal primo cittadino. «E’ un sentimento di riconoscenza e gratitudine che Massa Marittima esprime nei confronti della onlus che, per la terza volta, pensa anche all’ospedale della città – commenta Marcello Giuntini, sindaco della città mineraria –. Spero che anche su Massa si possa creare presto una sorta di filiale di Insieme in Rosa. La verve, la vitalità e l’entusiasmo delle “fatine” ci hanno davvero conquistato, anche perché hanno davvero dimostrato di saper lavorare bene».

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button