Politica

Verso le Regionali, Spadi: “Stop ai tagli in sanità, c’è bisogno di maggiori risorse economiche”

L'intervento della candidata indipendente per il Partito democratico alle prossime elezioni regionali

La sanità ospedaliera e territoriale della provincia di Grosseto ha bisogno di risorse economiche e di mettere al centro l’urgenza di ammodernamenti strutturali“.

Con queste parole Donatella Spadi, candidata indipendente per il Partito democratico al consiglio regionale, interviene sulla notizia relativa alla decurtazione dei fondi per la sanità grossetana.

In questi anni come medico in prima linea da un presidio più periferico come quello di Massa Marittima – afferma Donatella Spadi ho potuto capire quanto il sostegno della Regione e delle istituzioni sia fondamentale per dare risposte ai bisogni, piccoli e grandi, delle comunità. E’ per questo che oggi, aprendo i giornali, mi è salita una grande preoccupazione e amarezza per quelle che, spero, siano solo indiscrezioni stampa. In questi anni la Regione Toscana ha fatto molto per la sanità del nostro territorio, a partire dai 65 milioni di euro stanziati per il Misericordia, ma il percorso non può fermarsi. La nostra provincia ha bisogno di investimenti, di risorse economiche da destinare ai necessari ammodernamenti“.

La Maremma – dichiara Spadiha bisogno di fondi da investire nella sanità ospedaliera e territoriale, a partire dall’ospedale di Grosseto, che ha ovviamente un ruolo centrale per l’intero territorio di riferimento e a sostegno degli ospedali più piccoli nell’accoglienza dei malati che devono essere trasferiti per la continuità di cure e nel supporto ai servizi che sono carenti di personale medico e infermieristico. Va evitata per le nostre comunità la chiusura di servizi essenziali per la popolazione, soprattutto nelle piccole comunità a prevalenza demografica anziana”.

La cura e l’accesso alle cure – conclude Spadi devono essere temi da mettere al centro ogni giorno e non solo in campagna elettorale per ‘rinfocolare’ il dibattito. L’emergenza Covid – 19 dovrebbe aver insegnato alle istituzioni e alla politica che solo chi può contare su un sistema sanitario diffuso ed efficiente ha un’arma in più contro l’infezione. Il mio augurio è che la Regione Toscana e i vertici dell’Ausl riescano a trovare un punto di incontro per il bene di tutti noi. Io, come indipendente e come medico di medicina d’urgenza, ho accettato di candidarmi con il Pd in consiglio regionale per mettere la mia esperienza e le idee raccolte in questi anni da medici, infermieri, operatori sanitari e pazienti al servizio di un progetto che metta la cura e la sanità al centro”.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button