Pubblicato il: 4 Aprile 2018 alle 12:08

Cultura & SpettacoliGrosseto

Cap58100 si sposta in periferia: protagonista del dibattito la Cittadella dello studente

Dal centro alla periferia. Settima due-giorni di Cap58100, il Cantiere d’arte pubblica promosso da Clarisse Arte di Fondazione Grosseto Cultura, in co-organizzazione con il Comune di Grosseto: protagonista del progetto partecipativo questa volta è la Cittadella dello studente.

Come sempre gli incontri previsti sono due: giovedì 5 aprile, con gli interventi degli esperti, alle 17.30 a Clarisse Arte in via Vinzaglio 27, e venerdì 6 aprile con i giornalisti del quotidiano Il Tirreno alle 11 al bar Olimpico, in via Brigate Partigiane 26.

I primi cinque appuntamenti hanno riguardato spazi del centro cittadino in cerca di riqualificazione, mentre il sesto ha interessato una nuova piazza, un punto d’incontro per i giovanissimi, il centro commerciale Aurelia Antica. Adesso si passa alle periferie: giovedì 5 e venerdì 6 è tempo di discutere della Cittadella dello studente.

«Gli ultimi incontri di Cap58100 sono dedicati a realtà urbane periferiche – spiega il direttore di Clarisse Arte, Mauro Papa: giovedì 5 aprile interverranno il writer Marco Sera Milaneschi, promotore di gran parte delle opere di street art presenti in città, e il modellista e designer Giampaolo Ciurli con un progetto per una nuova viabilità alla Cittadella».

Al dibattito prenderà parte anche Mauro Papa con un contributo sullo street artist Blu, aprendo anche a una discussione sul possibile restauro della sua opera grossetana. Per l’occasione a Clarisse Arte rimangono aperte le mostre “Angiolo Mazzoni in Toscana” a cura di Silvia Giacomelli, Ezio Godoli e Alessandra Pelosi, e “Progettare il presente, concorso di idee per la sistemazione funzionale e architettonica di piazza Caduti di Nassiriya”.

L’incontro a Clarisse è riservato ai soci di Fondazione Grosseto Cultura, ma è sempre possibile sottoscrivere o rinnovare la tessera di socio. L’appuntamento di venerdì alle 11 al bar Olimpico in via Brigate Partigiane 26, invece, è aperto a tutti. A moderare il dibattito come sempre saranno i giornalisti del quotidiano Il Tirreno. Prenderanno parte all’incontro anche gli studenti del Polo Bianciardi e dell’Istituto tecnico per geometri Manetti-Porciatti di Grosseto.

E intanto il Cantiere d’Arte pubblica si avvicina alla conclusione: mancano all’appello due appuntamenti dei nove in calendario. La prossima tappa di Cap58100 riguarderà il Boschetto degli artisti (giovedì 19 e venerdì 20 aprile), mentre l’ultimo incontro (giovedì 3 maggio) sarà dedicato all’elaborazione di un progetto condiviso tra quelli approfonditi nel corso della rassegna. Il piano potrebbe essere presentato da Fondazione Grosseto Cultura, assieme al Comune di Grosseto, al Ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo per ricevere un finanziamento.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su