Blitz della Polizia in un palazzo in costruzione: denunciati nove stranieri, tre sono clandestini

Questa mattina, gli agenti delle volanti della Polizia, nell’ambito dei servizi di controllo del territorio, ulteriormente intensificati anche con l’impiego di unità del Reparto prevenzione crimine di Firenze, hanno effettuato un controllo finalizzato al contrasto di ogni forma di illegalità nella zona est di Grosseto.

In particolare, sono stati effettuati controlli nell’edificio in costruzione situato in via Fucini 3, già noto ai poliziotti quale ritrovo di cittadini stranieri.

Al suo interno, in una stanza del secondo piano, sono stati rintracciati nove cittadini extracomunitari, dei quali tre di nazionalità tunisina, sprovvisti di documenti d’identificazione e pregiudicati per reati contro il patrimonio e la persona, per spaccio di sostanze stupefacenti ed in materia di immigrazione clandestina.

Gli altri sei cittadini stranieri, di cui due del Ghana, tre del Gambia e uno del Senegal, sono risultati regolari sul territorio nazionale.

Gli uomini sono stati portati in Questura per essere sottoposti ai rilievi foto dattiloscopici e sono stati tutti denunciati in stato di libertà all’autorità giudiziaria per il reato di invasione di edifici e terreni, mentre i cittadini tunisini sono stati denunciati anche per le violazioni della normativa sull’immigrazione.

Inoltre, nei confronti di uno dei tunisini, è stato adottato il provvedimento di espulsione del territorio nazionale ed è stato accompagnato presso il Centro di permanenza per i rimpatri di Trapani.

Durante il controllo del palazzo di via Fucini, uno dei cittadini stranieri è stato trovato in possesso di 20 grammi di hashish, nascosti all’interno del cappellino che indossava, e di un coltello e pertanto è stato denunciato anche per il porto di armi ed oggetti atti ad offendere.

Già nei mesi scorsi erano stati predisposti ed effettuati, dagli agenti della Questura, mirati servizi di controllo di questo palazzo, al cui interno erano stati sorpresi una decina di cittadini extracomunitari, che lo avevano adibito ad abituale dimora e che erano stati denunciati per analoghi reati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Top