Pubblicato il: 30 Gennaio 2018 alle 15:13

Costa d'argentoCronaca

Espulso dall’Italia, viene sorpreso a lavorare come operaio: denunciato insieme al titolare della ditta

Era stato espulso dall’Italia, ma è stato sorpreso a lavorare come operaio presso un cantiere edile all’interno di una nota azienda agricola nel Comune di Magliano in Toscana.

A finire nei guai è un uomo di 29 anni di origini moldave, senza fissa dimora.

Da alcuni giorni, erano sulle sue tracce i carabinieri della stazione di Magliano in Toscana, guidati dal Luogotenente Antonello Strino, che avevano ricevuto una nota dalla Questura di Grosseto in cui veniva segnalata la presenza del cittadino straniero in un albergo del posto.

L’attività informativa condotta dai militari dell’Arma e i controlli effettuati presso numerose aziende per controllare la presenza e la regolarità della manodopera straniera ha portato i suoi frutti.

Infatti, i militari dell’Arma, durante un servizio perlustrativo, hanno notato dei cittadini stranieri che lavoravano presso un cantiere. Uno di loro è stato controllato ed è risultato corrispondente alla descrizione del 29enne ricercato.

Nel corso del controllo, l’uomo è stato identificato quale persona colpita da un ordine di espulsione emesso dal Questore di Roma lo scorso dicembre, omai ottemperato nei termini previsti.

Gli accertamenti, inoltre, si sono estesi anche alla ditta per cui lavorava il moldavo.

I carabinieri della Stazione di Magliano, grazie anche all’ausilio dei colleghi del Nucleo dell’ispettorato del lavoro di Grosseto, sono risaliti al titolare della ditta, anch’egli cittadino moldavo residente a Roma, di 48 anni, che è stato denunciato alla Autorità giudiziaria per aver violato la normativa sull’immigrazione e sulla condizione dello straniero, poiché aveva dato lavoro al giovane, sprovvisto di regolare permesso di soggiorno e in violazione dei termini di legge.

L’uomo, quindi, è stato poi trattenuto in caserma per l’identificazione, e oltre ad un nuovo ordine espulsione, è stato denunciato per non aver ottemperato all’ordine del Questore di allontanarsi dal territorio nazionale.

Per questo episodio, i militari dell’Arma hanno provveduto alla sospensione della attività lavorativa e hanno multato la ditta per un importo complessivo di circa 8.000 euro.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su