Colline MetallifereCronaca

Lancia un oggetto contro un treno in corsa e rompe il vetro della locomotiva: denunciato

L'autore dell'atto vandalico è un trentenne di Scarlino

Un trentenne di Scarlino è stato denunciato dalla Polfer di Grosseto per attentato alla sicurezza dei trasporti, interruzione di pubblico servizio e per il lancio di oggetti verso un treno in movimento.

I fatti risalgono ai primi giorni di febbraio, quando, nel pomeriggio, la locomotiva del treno regionale veloce Pisa-Roma, che stava transitando a più di 160 km/h nella stazione di Scarlino, è stata colpita dal lancio di un oggetto contundente da parte di un uomo che si trovava nella banchina.

L’oggetto ha colpito il montante del parabrezza del locomotore, causando l’incrinamento del vetro.

L’autore del folle gesto poi si è dileguato tra le strade adiacenti al parco confinante con la stazione, mentre il macchinista ha fermato il convoglio per controllare se si fossero verificati altri danni al resto del treno.

Per quanto accaduto, è stato immediatamente richiesto l’intervento della Polizia ferroviaria di Grosseto che, all’arrivo del treno nella stazione del capoluogo maremmano, ha constatato il danneggiamento della locomotiva.

A causa dell’atto vandalico, i passeggeri diretti a Roma sono stati fatti scendere dal treno danneggiato e fatti salire su un altro convoglio.

Gli agenti della Polizia ferroviaria hanno subito avviato le indagini volte ad individuare l’autore del grave gesto, esaminando i frame estrapolati dal sistema di videosorveglianza della stazione di Scarlino ed organizzando appostamenti presso quello scalo.

Grazie a queste attività, è stato possibile individuare un ragazzo, che presentava caratteristiche fisiche e abitudini compatibili con l’autore dell’atto vandalico.

Convocato negli uffici della Polfer, l’uomo ha ammesso le proprie responsabilità.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button