AmiataPolitica

Mariotti: “Via dei Molini diventi via della Memoria in ricordo dei ragazzi uccisi dai tedeschi”

“Via dei Molini: Roccalbegna. Su questa strada 5 ragazzi, nostri compaesani videro i loro ultimi istanti di vita, prima di essere falciati dai colpi di fucile dei soldati tedeschi che li inseguivano”.

A dichiararlo, in un post sul suo profilo Facebook, è Davide Mariotti, capogruppo del gruppo consiliare di opposizione Ricostruire in Comune e esponente dell’Anpi, sezione Amiata grossetana, Anpi Monticello Amiata “Aroldo Colombini”.

“Un gruppo di cittadini, coordinati con la sezione Anpi amiatina, ha avanzato da tempo la richiesta di intitolare la via a loro, rinominandola via della Memoria; ovviamente, senza ricevere mai riscontro dall’amministrazione comunale – continua il post. Adesso, visto il contesto, proporrei di rinominarla invece ‘via della dimenticanza’.
Come tanti altri bellissimi angoli di Roccalbegna, lasciata all’incuria più totale. Erba alta ai bordi, ogni tipo di rifiuto portato dal vento che vi si incanala, sfalci di giardino gettati proprio sotto il monumento che, accumulandosi, hanno creato una vera e propria discarica, con il serio rischio di un devastante incendio provocato dalle ceneri di camino gettatevi sopra”.

“Eppure, con il nostro gruppo consiliare, prima di uscire nelle scorse elezioni, avevamo presentato una mozione che definisse un’ordinanza di divieto di scarico con punizioni esemplari. La mozione venne colpevolmente lasciata fuori dall’ordine del giorno all’ultimo Consiglio utile. Dopodiché nulla più si è saputo – sottolinea Mariotti -. Purtroppo adesso, nonostante qualcuno ne sia addirittura contento, nessuna opposizione è più a vigilare ‘sull’operato’, se di operato si può parlare, dell’attuale amministrazione. Magari c’è ancora chi si immagina qualche mirabolante idea del sindaco e del suo entourage per la ripartenza dei nostri piccoli ed incantevoli borghi. Vi posso assicurare che, avendoli conosciuti da vicino, l’unica cosa che potete sperare ancora è che svolgano almeno l’ordinaria amministrazione che spetterebbe loro”.

“Siccome non mi è mai piaciuto lamentarmi e stare con le mani in mano, ieri, come ogni anno, ci siamo tirati su le maniche, con i bimbi ed Aurora ed abbiamo sistemato la strada e l’accesso al monumento con il rispetto che gli sarebbe dovuto, nonostante anche noi, come tutti, avremmo da potare olivi, castagni o semplicemente farci gli affari nostri – termina il post -. Sulla parte sinistra del giardino adiacente al monumento, abbiamo piantato tre piante di lavanda che ho riprodotto per talea, in memoria di quei ragazzi, e lo abbiamo fatto anche per tutti quelli che di memoria corta soffrono”.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button