Politica

Marina, il Pd: “Strade compromesse e al collasso, frazione abbandonata dal Comune”

“Siamo arrivati ad una situazione di collasso per gran parte della rete viaria della frazione di Marina di Grosseto, che ad oggi è un fondamentale volano di sviluppo economico legata al turismo per tutta città”. Lo afferma Davide Bartolini, capogruppo Pd nel Consiglio comunale di Grosseto, in merito alla situazione di Marina di Grosseto.

“Molte strade non sono più percorribili – aggiunge Bartolini -, da quelle di accesso alla frazione a quelle che si trovano all’interno della viabilità cittadina, la zona di Rosmarina oramai risulta essere impraticabile. Marina non può più aspettare, i lavori che l’amministrazione comunale ha messo in programmazione nel piano triennale delle opere per il 2021/2023 devono iniziare subito entro marzo per non vedere cantieri a stagione iniziata, che non farebbero che creare solo ulteriori situazioni di disagio. Stiamo aspettando ancora le promesse elettorali del 2016 da parte di questa Giunta e, vista la totale mancanza di investimenti su Marina di Grosseto, crediamo che oggi non si possa più rimandare. Nel 2021 il comune di Grosseto ha superato 1,2 milioni di presenze turistiche, di cui l’80% sono legati a un turismo balneare con Marina di Grosseto e Principina a Mare come capofila di presenze insieme ad Alberese“.

“Non possiamo presentare una frazione a turisti, non solo di prossimità, ma anche internazionali, in questo stato indecoroso – continua Bartolini -. Vi è la totale assenza di manutenzione ordinaria e il decoro urbano, caratterizzato anche con abbellimenti di fioriere o spazi con verde attrezzato, è inesistente. Se da una parte il turista ricerca il nostro territorio per le sue peculiarità naturalistiche, dall’altro chiede anche servizi e infrastrutture che lo colleghino con il resto della nostra Maremma, come la ciclopedonale fino al ponte dell’Ombrone oppure verso Castiglione della Pescaia“.

“Se non saremo in grado di sostenere questo processo di ripristino e investimenti – continua Bartolinirischieremo di perdere quell’occasione che il Covid, nella sua nota negativa, ci aveva offerto, ovvero quello di riscoprire un territorio incontaminato a portata di mano per molti vacanzieri, invidiabile a molti nei paesi esotici. Ma questo ha bisogno di interventi urgentissimi, senza considerare il fatto che a Marina c’è una comunità di residenti che tutto l’anno vive la frazione e non possono essere considerati cittadini di serie B. Il sindaco deve assumersi le sue responsabilità perché oramai amministra questo comune da 6 anni e su Marina non ha assolutamente prodotto gli investimenti promessi e sperati“.

“Ancora stiamo aspettando di capire come verrà investita la tassa di soggiorno che quest’anno conta quasi 600mila euro. Come consigliere del Pd, ma anche come residente di Marina – conclude Davide Bartolini, mi sono messo da subito a disposizione, sia della comunità che dell’amministrazione per evidenziare e cercare di dare un contributo per superare le criticità della frazione”.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button