Pubblicato il: 19 Luglio 2019 alle 10:42

FollonicaNotizie dagli Enti

Raccolta differenziata, superato il muro del 60%: incremento di oltre il 9% in un anno

Ecco i dati della raccolta differenziata di Follonica che, nel periodo gennaio-maggio 2019, è arrivata al 61,5%

Un incremento del 9,25% rispetto al periodo gennaio-maggio 2018 e del 18,04% rispetto al 2014: questi i dati della raccolta differenziata di Follonica che, nel periodo gennaio-maggio 2019, è arrivata al 61,5%.

Un bellissimo risultato – commenta l’assessore all’ambiente Mirjam Giorgieri, che premia Follonica e i follonichesi per l’impegno verso un modello di gestione dei rifiuti più sostenibile. Abbiamo riorganizzato il servizio di raccolta di rifiuti mettendo nel mirino il 65% di raccolta differenziata, come imposto dalla Commissione europea entro il 2025, e, considerando che la riorganizzazione non è ancora terminata, credo che quell’obiettivo sia assolutamente alla nostra portata“.

I dati stanno premiando un modello, quello follonichese, che tiene conto delle caratteristiche particolari della città, come l’alto numero di attività produttive e la fluttuazione turistica. Il Comune ha deciso di non imporre un unico modello di raccolta rifiuti, ma di valutare, quartiere per quartiere, quale fosse quello più efficace. Un modello misto che affianca alla raccolta domiciliare porta a porta nei quartieri di Cassarello, Senzuno, Capannino, 167 est e Ovest, San Luigi, Corti Nuove, Campi Alti e San Leopoldo, le postazioni per il conferimento dei rifiuti ad accesso controllato già attive in Salciaina e di prossima installazione in centro, Zona Nuova e Pratoranieri e che permetterà, entro la fine del 2019, di controllare i conferimenti di tutti i cittadini e di avviare verso il passaggio a tariffazione puntuale.

Ognuno pagherà per i comportamenti che terrà, siano essi virtuosi o irrispettosi delle regole. Il Centro di raccolta sarà informatizzato e saranno installati gli ecocompattatori per le bottiglie di plastica in modo da poter premiare chi accederà smaltendo correttamente i propri rifiuti. Un sistema, quindi, che usa la tecnologia per metterla al servizio dell’ambiente e dei cittadini e che sta già dimostrando la propria validità.

Accanto a questo c’è l’investimento su formazione, cultura e smart app: il progetto di educazione ambientale “Follonica Guarda Avanti” ha coinvolto più di 1200 ragazzi e ragazze delle scuole di Follonica e sarà allargato agli adulti già dall’autunno, mentre la app Junker, che aiuta i cittadini a fare la differenziata, e che è scaricabile gratuitamente da ogni smartphone, è adesso completamente accessibile sia per non vedenti che per non udenti.

Infine, il grande progetto di riduzione dei rifiuti e di eliminazione della plastica monouso: Follonica Plastic Free ha già liberato dalla plastica tutte gli edifici scolastici, dalle scuole dell’infanzia alle scuole secondarie di primo grado, e la sede del Comune grazie all’installazione delle fontanelle di acqua naturalizzata e alla distribuzione delle borracce a tutta la popolazione scolastica follonichese. Un progetto in divenire che a breve coinvolgerà parchi, spiagge libere e stabilimenti balneari per poi abbracciare la città intera.

Aver varcato la soglia del 60% di raccolta differenziata – conclude Giorgieriè un traguardo che non sarebbe stato raggiungibile senza l’impegno quotidiano di tutti i cittadini, dei dipendenti comunali che lavorano quotidianamente al mio fianco e di un’amministrazione e di un sindaco, Andrea Benini, che hanno fatto delle tematiche ambientali la priorità politica. Non ci fermiamo di certo qui: il 65% è molto vicino e puntiamo a superarlo già il prossimo anno con l’obiettivo di andare oltre“.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su