Home Amiata Abbandonarono gattini in un cassonetto: individuati attraverso le 6Card

Abbandonarono gattini in un cassonetto: individuati attraverso le 6Card

L'assessore: "Di tutto questa ringraziamo il Comando dei Carabinieri attivatosi immediatamente, nonché Sei Toscana"

di Redazione
1 commento 664 views

Castel del Piano. “Si ricorderà il deprecabile e vile episodio di abbandono di gattini accaduto la scorsa estate a Castel del Piano, allorquando questo venne alle cronache ed alla conoscenza degli organi competenti“.

A dichiararlo è Renzo Rossi, assessore all’ambiente del Comune di Castel del Piano.

“Accadde infatti che una mattina, in una via centrale di Castel del Piano, via Rosselli, dietro all’ospedale, una cittadina, mentre si apprestava a conferire dei rifiuti nei cassonetti intelligenti, sentì dei forti miagolii provenire dall’interno del contenitore – spiega Rossi -. La cittadina chiamò immediatamente Sei Toscana per chiedere informazioni sull’apertura del cassonetto. Un addetto di Sei Toscana provvide, dopo aver interpellato i responsabili di zona nel giro di pochi minuti, a rovesciare il bidone ed a salvare i gattini. Fortunatamente in quella zona viveva anche una collaboratrice dell’Enpa, che immediatamente mise in salvo gli animali dando loro le cure necessarie”.

“Ebbene, attraverso la collaborazione di Sei Toscana, gestore del sistema di raccolta dei rifiuti, sono state effettutate le prime indagini sull’abbandono effuttuato con un conferimento in un cassonetto per la raccolta indifferenziata ed è stato provveduto ad estrarre i dati degli accessi al contenitore oggetto dell’abbandono e sono stati rilevati i dati personali identificativi necessari – continua l’assessore -. Della metodologia di indagine e dell’identificazione è stato quindi informato il locale Comando dei Carabinieri in quanto l’abbandono di animali si configura come reato ai sensi dell’articolo 727 del Codice penale. Le indagini sono quindi proseguite ed hanno dunque preso la via che doveva prendere, vale a dire quella di un procedimento penale verso chi ha compiuto questo deprecabile e vietato gesto”.

“Di tutto questa ringraziamo il Comando dei Carabinieri attivatosi immediatamente, nonché Sei Toscana che, attraverso il nuovo sistema di raccolta elettronico, è stata celermente in grado di individuare le tessere personali e mi sento di ringraziare personalmente anche chi si fece parte attiva, anche pubblicamente, della questione, vale a dire Anna Rita Bramerini, direttore provinciale della Cna con cui abbiamo, dall’inizio, condiviso questo percorso virtuoso – termina Rossi -.  Sapere che chi ha compiuto il vile gesto possa essere perseguito penalmente, dà un profondo senso di giustizia e di civiltà di cui abbiamo bisogno ogni giorno di più, nonché fare da monito a coloro che possano voler compiere simili gesti in futuro”.

Print Friendly, PDF & Email

1 commento

Alfredo Sibaldi Bevilotti 11 Ottobre 2023 | 09:35 - 09:35

Bestie infami. Ovviamente non mi riferisco ai micini.

Rispondi

Lascia un commento

* Utilizzando questo form si acconsente al trattamento dati personali secondo norma vigente. Puoi consultare la nostra Privacy Policy a questo indirizzo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare

Le tue preferenze relative alla privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy