Pubblicato il: 13 Maggio 2019 alle 11:28

Attualità

Costumi e travestimenti: nuove opportunità per acquistarli on line

Se “Avengers: endgame” si mantiene ancora saldamente ai primi posti nella classifica dei film più gettonati al cinema nell’ultimo mese, non dimentichiamoci di una commedia molto particolare, in cui viene messa in luce la realtà che gli italiani si trovano ad affrontare ogni giorno, abituandosi al peggio e adattandosi passivamente a sopportare – davvero – qualunque cosa.

Ma cosa ci dice il cervello” racconta la vita dei fantastici 5, dove 5 sono i vecchi compagni del liceo classico “Augusto” di Roma. Stefano Fresi, Vinicio Marchioni, Lucia Mascino, Claudia Pandolfi e Paola Cortellesi, riescono a mettere in luce la dura vita dell’uomo comune, che è costretto a subire quotidianamente piccole e grandi angherie, che rasentano spesso il limite dell’assurdo. Paola Cortellesi è Giovanna, una donna con una doppia vita: dipendente statale del Ministero e agente segreto energico e abile. Ed è qui che vi vede la bravura dell’attrice, che con una serie interminabile di travestimenti e stratagemmi darà vita a molte situazioni, talvolta ai limiti dell’assurdo, per tentare di restituire l’ordine nella sua esistenza e in quella delle persone a cui vuole bene.

Questo preambolo per focalizzarci sui tanti travestimenti di Giovanna: senza spoilerare troppo, Giovanna riesce a dar vita a un’infinità di personaggi, ma non aspettatevi qualcosa del genere Arturo Brachetti… così come non aspettatevi cambi multipli di personalità come ci aveva abituati il misterioso, e per certi versi spaventoso protagonista di “Split e Glass”.

Qui si parla di travestimenti veri e propri… e qui entra in scena la parte dell’osservatore femminile. Quanti cavoli di personaggi ha interpretato Giovanna/Paola Cortellesi nel suo film? Ha vestito i panni di numerosissime persone, per svolgere appieno il suo lavoro di denuncia… Tatuatrice, cameriera, tassista, guida turistica, ragazza delle consegne, infermiera… Ma il punto è: non ha mai sofferto poi di crisi d’identità? Cosa si prova a vestire i panni di un’altra persona?

Beh, in un certo senso, anche io ci ho pensato, quando ho ventilato, molto alla lontana a dir la verità, di vestire i panni di Rey di “Star Wars”… ho pensato… cosplayer? Why not? Poi, tra GRV e altre cose, diciamo che di costumi mi sto interessando parecchio… e così eccomi approdata, quasi per caso, su disfrazzes.it, sito specializzato in costumistica, con più di 30.000 costumi presenti a catalogo, accessori come maschere e parrucche, prodotti per il trucco professionali e molto altro. Costumi per donna, uomo, bambino e perfino neonati, costumi per gruppi numerosi (sì, potete creare il vostro esercito di “Stormtrooper!”), costumi per tutti i gusti e tutte le tasche. C’è anche la sezione dei costumi per Cosplayer, appunto, con i vestiti originali di “Star Wars”, “Avengers”, “DC Comics”, “Harry Potter” e tanto, tanto altro.

Volete vestirvi da sacerdotessa greca o da imperatrice d’Egitto? Qui trovate esattamente ciò che fa per voi. Si avvicina carnevale? Ecco una vasta scelta di costumi goliardici (avete mai visto una vera e propria colonna greca che cammina?) tutti da provare. Senza dimenticare i costumi per l’addio al celibato o quelli, più casti, per le recite scolastiche.

La sezione che più mi piace? Beh, ovviamente quella dei costumi medievali, in cui ce n’è davvero per tutti i gusti, e tutte le tasche. La consegna avviene in tempi molto rapidi, 24/48 ore, e c’è davvero l’imbarazzo della scelta. Insomma, quando qualcuno dice “mettiti nei miei panni”, con un costume così è molto, molto semplice. Basta solo aver chiaro in quale panni infilarsi.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su