Home Costa d'argento Consorzio strade vicinali, Fusini replica alle consigliere: “Il Comune non elegge organismi”

Consorzio strade vicinali, Fusini replica alle consigliere: “Il Comune non elegge organismi”

di Redazione
0 commento 76 views

Magliano in Toscana (Grosseto). “Mi sono ripromesso sin dall’inizio della scorsa, ed oramai esaurita, campagna elettorale di tenermi fuori dalle accuse e dagli attriti che ancora oggi, purtroppo, permangono tra alcuni dei protagonisti dell’ultima tornata, preferisco impegnare il tempo e le energie, mie e di chiunque voglia dare una mano, su progetti, idee ed opere da realizzare per la comunità”.

A dichiararlo, in un comunicato, è Gabriele Fusini, sindaco di Magliano in Toscana.

“Stavolta però, seppur sempre senza polemica, non posso non intervenire e non posso non rispondere a delle dichiarazioni di tre ex consigliere comunali che chiamano in causa direttamente l’amministrazione comunale e quindi me, loro chiedono chiarezza e quindi chiarezza sia – continua il sindaco -. Anche se, devo dire, trattandosi di ex consigliere/assessore, certe risposte dovrebbero conoscerle già, ma, se serve, ribadiamole.

  1. I consorzi stradali, che siano plurimi e costituiti in uno unico o anche singolarmente, non sono mai stati e non sono nemmeno ora una partecipata del Comune.
  2. Il Comune eroga un contributo, come in tanti altri casi, che va dal 20 al 50% delle spese sostenute dal Consorzio stesso, unico o no che sia, vale per tutti i consorzi stradali.
  3. Il contributo erogato, nei termini di cui ho detto sopra, è a totale discrezione dell’amministrazione comunale che, caso per caso, valuta le risorse di bilancio disponibili, l’importanza pubblica della strada e tanti altri fattori.
  4. Il Comune non entra assolutamente nel merito dell’elezione degli organismi del Consorzio, il contrario sarebbe una ingerenza, l’assemblea dei frontisti elegge un Consiglio di amministrazione e successivamente lo stesso Consiglio elegge il suo presidente, come previsto dallo statuto del Consorzio.
  5. Il Comune nomina di diritto un solo componente del Consiglio di amministrazione, che ha appunto compito di raccordo, nel nostro caso è stato nominato Claudio Gobbi.
  6. Il presidente eletto all’unanimità, Diego Cinelli, ha deciso di rassegnare le dimissioni dal suo ruolo di Consigliere comunale, un gesto di correttezza istituzionale che ho apprezzato molto e che evita e toglie dal campo discussioni e chiacchiericci, spesso inutili.

Appare a mio avviso tutto abbastanza chiaro e trasparente, anche semplice da capire”.

“Questa amministrazione ripone molte speranze nell’operato del Consorzio unico delle strade vicinali di Magliano in Toscana, un compito difficile, ma è l’unica via per poter avviare un progetto serio di riordino e di manutenzioni della enorme rete viaria rappresentata dalle nostre strade consortili. Approfitto anzi per invitare i Consorzi che ancora non hanno aderito e son rimasti fuori a farlo, perchè è sul Consorzio unico che investiremo le risorse maggiori – termina Fusini -. Come detto in più sedi in questi giorni, il presidente Cinelli può contare su tutto il supporto di questa amministrazione, a noi non interessano le chiacchiere e neppure le guerre tra fazioni, ci preme solo che nel giro di pochi anni le nostre strade siano tutte ben percorribili e ben tenute.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

* Utilizzando questo form si acconsente al trattamento dati personali secondo norma vigente. Puoi consultare la nostra Privacy Policy a questo indirizzo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare

Le tue preferenze relative alla privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy