Home AmiataAttualità Amiata “L’arte della nonna”: boom di partecipanti al corso di ricamo della Cadic

“L’arte della nonna”: boom di partecipanti al corso di ricamo della Cadic

L'iniziativa si svolge a Porto Santo Stefano

di Redazione
0 commento 100 views

Porto Santo Stefano (Grosseto). Passano pomeriggi insieme a parlare, socializzare e… sfornare capolavori. Sono le ricamatrici de “L’arte della nonna“, un gruppo della Cadic nato ancor prima di quest’ultima, e alla cui nascita si è integrata, quasi trent’anni fa. Allora sul lungomare dei Navigatori, a Porto Santo Stefano, la Cadic organizzava, in sinergia con alcune classi della scuola elementare, mercatini a favore del Comitato per la Vita di Grosseto per fornire nuovi macchinari all’ospedale. Durante quegli eventi alla Cadic e a Licia Dubbiosi, che lavorava nell’Istituto e con il ricamo ci sapeva fare, venne l’idea di metter su un corso gratuito in sala Gasparrini per dare una bel passatempo alle piccole insieme alle mamme.

L’iniziativa ebbe subito successo, tanto che per Natale venne realizzata una mostra con palline per l’albero fatte a mano. Poi, si sa, le bimbe furono prese da altri impegni ma la mamme parteciparono sempre più numerose, anche da Porto Ercole e Orbetello, tanto che Licia dovete chiamare altre insegnanti per farsi aiutare nell’insegnamento anche delle meno esperte. Perché qui può venire chiunque. Tra queste, ci fu Ida Cacchioni, che allestì per un periodo un corso di taglio e cucito.

Il corso

Sono passati gli anni e ancora oggi la scuola prosegue a gonfie vele comprendendo anche bravissime ragazze rumene, sempre meglio integrate nel nostro tessuto sociale. I “ferri del mestiere” vengono recuperati alla meglio, Qualcuno offre stoffa e cotoni, per il resto ci si affida a parenti in America dove i prezzi sono più bassi. E tutti gli anni, intorno all’8 dicembre, viene allestita una splendida mostra con la quale il gruppo finanzia questo progetto, ma soprattutto quello di inclusione sociale che segue con la Caritas parrocchiale a favore dei più deboli.

Attualmente sono circa 20 le ricamatrici che si ritrovano il martedì e il giovedì dalle 15.30 alle 17.30, nei locali della chiesa Immacolata. Una piccola intuizione che è diventata un grande successo.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

* Utilizzando questo form si acconsente al trattamento dati personali secondo norma vigente. Puoi consultare la nostra Privacy Policy a questo indirizzo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare

Le tue preferenze relative alla privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy