Home Costa d'argento “Aurelia sicura e stop alle interferenze di Sat”: la mozione di Sinistra Italiana in Consiglio regionale

“Aurelia sicura e stop alle interferenze di Sat”: la mozione di Sinistra Italiana in Consiglio regionale

di Redazione
0 commento 1 views

Oggi pomeriggio si svolgerà il Consiglio regionale, dove dovrebbe esser discussa e, speriamo, approvata la mozione presentata dai consiglieri regionali di Sì Toscana a Sinistra Tommaso Fattori e Paolo Sarti a sostegno della messa in sicurezza dell’Aurelia“.

A dichiararlo è Marco Sabatini, coordinatore regionale di Sinistra Italiana Toscana.

“La mozione impegna la Giunta regionale ad attivarsi con il Governo affinché si proceda velocemente con la definizione della progettazione ed il finanziamento dell’adeguamento nell’intero tratto a sud di Grosseto fino al confine con la regione Lazio, Capalbio compreso. Senza alcuna interferenza di Sat, la cui concessione non ha più ragione d’essere – spiega Sabatini -. E’ parere unanime che la Maremma abbia bisogno di una Aurelia adeguata, pubblica, gratuita e sicura. Nel pieno rispetto dell’ambiente, del paesaggio e delle esigenze socio-economiche dei cittadini del territorio. Mi stupirei se, ancora una volta, il parere del Consiglio reg.le fosse diverso da quello dei cittadini“.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

* Utilizzando questo form si acconsente al trattamento dati personali secondo norma vigente. Puoi consultare la nostra Privacy Policy a questo indirizzo

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti potrebbero interessare

Le tue preferenze relative alla privacy
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy