Pubblicato il: 15 Giugno 2020 alle 18:44

Agricoltura

Dalla Regione 3,6 milioni di euro per sostenere i settori floricolo e ovicaprino

Un aiuto alle imprese di due settori che hanno pagato e stanno pagando un prezzo abbastanza elevato per l’emergenza Covid-19. La Regione ha approvato una delibera che mette a disposizione 3 milioni 630mila euro per i settori floricolo e ovicaprino.

Sono due tra i settori – spiega l’assessore all’agricoltura Marco Remaschi che hanno subito gravi danni economici in conseguenza dell’emergenza sanitaria causata dal Coronavirus. Appena abbiamo avuto l’evidenza della gravità della situazione ci siamo subito attivati, prima con lo stanziamento delle risorse con la variazione di bilancio ed ora con la fase di attuazione degli aiuti. La concertazione con le organizzazioni di rappresentanza è stata utile per definire criteri certi e rapidamente verificabili, al fine di consentire una erogazione rapida delle risorse che sono quantomeno cruciali per la sussistenza di molte aziende del settore. A breve adotteremo un’altra delibera per quanto riguarda criteri e modalità del sostegno al settore ovicaprino, dato che il confronto è ancora in corso”.

Le risorse complessive vengono così ripartite, tenuto conto delle esigenze e della situazione di mercato e delle valutazioni condotte attraverso il confronto con le parti sociali: 2,43 milioni di euro al settore floricolo, 1,2 milioni di euro a quello ovicaprino.

La delibera, come anticipato, approva anche i criteri e le modalità per la concessione dell’aiuto diretto al settore floricolo, consistente in una sovvenzione a ristoro sia della diminuzione dei ricavi di vendita che dell’aumento dei costi di smaltimento dei fiori non vendibili. I beneficiari della sovvenzione diretta sono gli imprenditori agricoli professionali (singoli od associati), i coltivatori diretti, iscritti all’Inps che coltivano fiori in serra e/o pieno campo sul territorio regionale.

Il contributo viene erogato proporzionalmente alla percentuale di diminuzione del volume di affari subita riferito alla sola vendita dei prodotti floricoli fiori e fronde recisi, calcolata in base al confronto tra la sommatoria degli importi di fatture o altri documenti fiscali comprovanti le vendite del periodo marzo-aprile 2019 e quella del periodo marzo-aprile 2020. L’aiuto viene richiesto dai beneficiari tramite il sistema informatico Artea, che provvederà all’erogazione ai beneficiari.

Il commento di Leonardo Marras

La Regione ha approvato una delibera che mette a disposizione 3 milioni 630mila euro per i settori floricolo e ovicaprino. “Bene, è una notizia che attendevamo. Un sostegno ad alcuni dei settori del comparto agricolo più colpiti dalla crisi legata dalla pandemia, per la quale abbiamo lavorato da subito insieme alle associazioni di categoria, anche a livello locale – commenta Leonardo Marras, capogruppo del Pd i Regione Toscana –. Voglio però fare una proposta per aumentare ancora di più i possibili destinatari ed ampliare così il sostegno al settore agricolo: penso agli allevatori, in particolare a quelli che trasformano il latte e che hanno la vendita diretta, anche a loro dobbiamo garantire un supporto, magari quantificato come un premio a capo, perché si trovano ad affrontare gli stessi problemi di aziende più grandi e strutturate, ma con meno strumenti. Allo stesso tempo, penso che si debba prevedere un contributo complementare al bando Agea per i caseifici; i due bandi promossi dal Ministero e, appunto da Agea, hanno l’obiettivo di acquistare pecorino Dop per distribuirlo alle famiglie indigenti, io credo che nella nostra regione si debba allargare a tutte le produzioni, anche a quelle non Dop, purché realizzate con latte prodotto in Toscana condizionando, chiaramente, tutto al ripristino del prezzo del latte alle condizioni pre-Covid”.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su