AgricolturaCastiglione della Pescaia

Il Consorzio Bonifica protagonista a Uno Mattina: “In arrivo soluzioni per combattere la siccità”

Vede queste zolle solcate dalle crepe?”, ha detto il presidente del Consorzio Bonifica 6 Toscana Sud Fabio Bellacchi alla giornalista Metis Di Meo, che si inginocchiava a toccare con mano le zolle. “Indica che in questo terreno dal mare arrivano infiltrazioni di acqua salata che rendono la zona arida e difficile da coltivare”.

Le immagini sono state girate a Ponti di Badia, nel comune di Castiglione della Pescaia, nei pressi della riserva naturale della Diaccia Botrona.

“Siamo in una delle zone più belle della provincia dal punto di vista paesaggistico – ha aggiunto Bellacchi, ma che dal punto di vista agronomico sta peggiorando rapidamente. Dopo un inverno piuttosto asciutto, per fortuna da qualche giorno ha ripreso a piovere, ma il pericolo siccità è tutt’atro che scongiurato in questa zona della Toscana. Qui servono misure diverse e più importanti. Serve un progetto capace, quando c’è disponibilità, di trattenere l’acqua da rilasciare nei periodi secchi. Il nostro Consorzio sta lavorando proprio per garantire un corretto sistema di stoccaggio e di distribuzione della risorsa. Allo studio la progettazione di un invaso, finanziato con risorse del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, che, in futuro, consentirà di dissetare l’agricoltura, utilizzando, per la distribuzione, il sistema già presente di impianti idrovori. L’invaso sarà realizzato sul canale diversivo abbandonato. Avrà una capacità di 450.000 mc a scopo multiplo, servirà un comprensorio irriguo di 600 ha, sarà alimentato dalla vicina idrovora di Cernaia e avrà un costo di 7.700.000 euro”.

Con Fabio Bellacchi, ospite della trasmissione Marco Bottino, presidente di Anbi Toscana, che ha richiamato l’importanza di dotare il territorio di un piano invasi per fronteggiare le emergenze causate dai cambiamenti climatici.

Domani mattina, sul tema, un altro servizio sarà pubblicato sulla pagina Facebook Mattina Rai 1.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button