Pubblicato il: 8 Dicembre 2018 alle 15:28

GrossetoPolitica

Cpia, i consiglieri provinciali: “Vivarelli Colonna nega il diritto allo studio agli adulti”

Il diritto allo studio è importante all’interno del sistema fondativo del nostro Paese. Formarsi, formarci e formare anche tutti coloro che arrivano e desiderano inserirsi nel nostro sistema sociale. A Grosseto Vivarelli Colonna, sindaco e presidente della Provincia, questi principi non li conosce o cerca di eluderli“.

A dichiararlo, in un comunicato, sono i consiglieri provinciali del Pd Claudio Franci, Marcello Giuntini, Francesco Limatola e Lorenzo Mascagni.

“La pretestuosa polemica sullo svolgimento delle lezioni pomeridiane nei locali dell’Istituto ‘Leopoldo II di Lorena’ da parte di richiedenti asilo sollevata da due esponenti della Lega sembra abbia indotto Vivarelli Colonna, nelle vesti di presidente della Provincia, a dare una controllata alle caldaie, verificarne i consumi e aver valutato di non disporre delle risorse per garantire il riscaldamento pomeridiano delle aule. Contabilità, peraltro ancora tutta da verificare – continua la nota -.  Dove andranno a studiare tutti gli adulti, compresi i richiedenti asilo, del Cpia, Centro provinciale per l’istruzione degli adulti? Il Vivarelli, di fatto, nega il diritto allo studio“.

“È bene essere chiari. È una limitazione nata per compiacere la Lega? Crediamo che, a questo punto, sia doveroso un chiarimento da parte della Provincia sulla presunta impossibilità a sostenere le spese per il riscaldamento dei locali. Lo stesso ente dovrà spiegare anche come intende garantire lo svolgimento a Grosseto del servizio pubblico di istruzione degli adulti, visto che nel dimensionamento scolastico recentemente approvato non risulta abolito il Cpia – terminano i consiglieri -. Abbiamo richiesto con un’interrogazione a risposta scritta rivolta al presidente della Provincia a quanto ammontano le risorse necessarie per riscaldare i locali e sapere, senza tentennamenti ed evitando ipotesi fantasiose, quale sarebbe stato l’aggravio di spesa per l’Ente Provincia. Nella speranza che la Provincia risponda al più presto all’interrogazione senza nascondersi ‘dietro la caldaia‘”.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su