GrossetoPolitica

Piscine comunali, il Pd: “Affidamento diretto fa aumentare il costo dei corsi”

L’affidamento diretto delle piscine comunali, deliberato pochi giorni fa, è stata una scelta dettata a nostro avviso da due elementi: la necessità di riaprire le piscine per l’inizio della stagione e la mancanza di un progetto politico da parte della Giunta“.

A dichiararlo, in un comunicato, sono Marco Di Giacopo, Ciro Cirillo e Manuele Bartalucci, consiglieri comunali del Partito democratico.

Pertanto, di fronte alle non poche incertezze sul futuro delle piscine comunali sollevate in questi mesi dalla cittadinanza, da quando il bando per la gestione è andato deserto, crediamo che sia nell’interesse di tutti porre queste domande in una sede pubblica e ‘immediata’ come la stampa – continua la nota -. Andrà a vantaggio di tutti: l’assessore avrà l’opportunità di spiegare in via diretta le ragioni dei disagi ai grossetani e i cittadini stessi avranno la possibilità di farsi un’idea sulla questione“.

“Perché il bando è stato fatto solo ad agosto – domandano i consiglieri? Il Comune era a conoscenza che già a febbraio 2016 scadesse il rapporto con il precedente gestore (poi prorogato fino a giugno), perché da febbraio si è aspettato a fare il bando fino ad agosto, per altro a ridosso dell’apertura? Perché non è seguito un ulteriore bando? Perché dopo la gara andata deserta l’assessore non ne ha predisposto un’altra? L’assessore è a conoscenza del mancato risparmio dovuto a questo affidamento diretto?

“Nella precedente gestione il canone mensile riusciva a coprire la metà delle utenze in carico al Comune. Con il nuovo bando, il canone diveniva irrisorio, ma le utenze andavano in carico al gestore (ammortizzabili anche grazie all’utilizzo di un pozzo di acqua potabile). Adesso, con questo affidamento diretto, le utenze rimangono in carico al Comune, ma il canone che il gestore eroga è la metà del precedente – termina il comunicato – Quanto costerà di più ai grossetani andare in piscina? L’affidamento diretto non solo prevede l’aumento di 1 euro su corsi, nuoto libero ed affitto degli spazi d’acqua, ma il ‘gestore potrà aggiungere alle tariffe praticate una quota associativa’“.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button