GrossetoPolitica

Ius soli, il Pd: “Misura di civiltà e di progresso, sconfortanti le battaglie di sindaco e destra”

E’ a dir poco sconfortante come molti esponenti politici della destra locale facciano la rincorsa per intestarsi la battaglia contro lo ius soli“.

A dichiararlo sono Manuele Bartolucci e Marco Di Giacopo, consiglieri comunali del Partito democratico di Grosseto.

“Dispiace, perché lo ius soli è una misura di legalità, di civiltà e di progresso verso un Paese che vuole convertire l’immigrazione in opportunità per la crescita economica, che si assume la responsabilità di risolvere i grandi cambiamenti globali, a dispetto di chi pensa soltanto ai propri tornaconti elettorali – spiegano i consiglieri -. Dispiace, sopratutto, che in questo novero di accaniti difensori del niente (si, perché chi critica una proposta di integrazione non ce l’ha) ci sia il ‘civico’ sindaco di Grosseto, che, nonostante rimandi a chissà quando le risposte ai cittadini esasperati perché lasciati senza acqua dei pozzi sulla sua pagina, non perde tempo ad aggiornare la propria immagine del profilo con un sobrio e istituzionale ‘no ius soli’, senza ovviamente entrare nel merito della questione“.

“Se solo l’argomento venisse approfondito, si scoprirebbe che la legge in discussione al Senato non prevede affatto una ‘svendita della cittadinanza’, come molti stanno affermando in queste ore, ma semplicemente prevede che i bambini nati in Italia da genitori stranieri (che si trovano legalmente in Italia da 5 anni, con un reddito non inferiore all’importo annuo dell’assegno sociale, e che abbiano superato un test di conoscenza di lingua italiana) godano degli stessi diritti dei loro coetanei nati in Italia da genitori italiani. Un principio di civiltà, insomma, per dare a bambini e ragazzi che sono già italiani la piena cittadinanza, per fargli avere gli stessi diritti e doveri dei nostri figli – concludono Bartolucci e Di Giacopo -. Un principio di civiltà sul quale si sta facendo una battaglia demagogica fuorviante anche da parte di chi dovrebbe rappresentare tutta la comunità“.

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Back to top button