Pubblicato il: 7 Ottobre 2014 alle 11:08

Economia

Confartigianato: “Combattere la contraffazione e difendere il made in Maremma”

Lo studio di Confartigianato sulla contraffazione fa emergere dati preoccupanti, segno che il problema può mettere (e già mette) a rischio la sopravvivenza delle aziende in un periodo molto delicato. E la Maremma non è esclusa dal problema, tanto che l’associazione di categoria grossetana quest’anno ha lanciato una campagna di sensibilizzazione per difendere i mestieri e le aziende locali, denominata “E se domani non ci fossero più gli artigiani?”. Un modo per far capire l’importanza del made in Maremma e la necessità di tutelare chi propone sul mercato prodotti e servizi unici nel loro genere.

Veniamo da un’estate in cui il fenomeno della contraffazione ha fatto sentire i suoi effetti – dichiara Mauro Ciani, segretario generale di Confartigianato Imprese Grosseto –: una forma di concorrenza che potenzialmente disturba 113 aziende locali e più in generale le 1.074 del settore manifatturiero. La nostra associazione di categoria continua a vigilare sul fenomeno e a chiedere maggiore tutela per gli imprenditori. E non ci riferiamo soltanto al commercio abusivo di merce contraffatta sulle spiagge o nelle principali piazze, ci sono anche altri aspetti da tenere sotto controllo: per esempio, l’organizzazione dei mercatini cosiddetti ‘artigianali’, un marchio che viene assegnato, a nostro parere, senza i necessari controlli. Spesso di artigianale in esposizione c’è veramente poco. Mi rivolgo quindi alle autorità e agli enti di controllo perché si uniscano alla nostra azione a tutela della professionalità dei nostri artigiani. Bisogna agire anche attraverso una continua azione di formazione e informazione rivolta ai consumatori sui danni provocati dalla contraffazione e dalla mancanza di tutela del made in Italy“.

Il rapporto

Secondo il rapporto di Confartigianato i settori più esposti alla contraffazione sono in Italia quelli del tessile, abbigliamento, calzature, occhialeria, cosmetici, giocattoli, che rappresentano l’89,2% dei valore delle merci sequestrate tra il 2008 e il 2013. E proprio in questi settori di punta del made in Italy – in cui operano 64.322 imprese artigiane con 194.555 addetti – che negli ultimi 5 anni le imprese artigiane sono state decimate, con una perdita di 7.052 aziende, pari ad un calo del 9,9%. Soltanto nell’ultimo anno le imprese artigiane di questi settori ‘invasi’ dai falsi sono diminuite del 2,1%. Le più colpite sono state le imprese del Molise, calate negli ultimi 5 anni del 27,3%, seguite da quelle della Puglia (-24,3%), della Sicilia (-19,1%), della Basilicata (-18,7%) e della Sardegna (-17,9%). Ma il mercato del falso minaccia tutte le regioni, soprattutto quelle con la maggiore presenza di imprese nei settori manifatturieri esposti alla contraffazione: in testa c’è la Toscana seguita da Marche, Umbria, Veneto e Abruzzo.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su