Pubblicato il: 10 Dicembre 2019 alle 15:06

Economia

Reti mobili, Confartigianato: “Serve potenziamento per non bloccare imprese in Maremma”

Oggi le parole d’ordine sono Industria 4.0, informatizzazione ed innovazione, tuttavia in gran parte della provincia di Grosseto è un vero miraggio poter utilizzare addirittura il cellulare. Per questo, ci associamo alle preoccupazioni espresse da Maurizio Baldi, presidente nazionale e regionale di Confartigianato Grafici, per ricordare come anche da noi la questione banda larga rimane una piaga ancora da risolvere“.

Mauro Ciani, segretario generale di Confartigianato Imprese Grosseto, si fa ancora una volta portavoce territoriale della difficoltà di tutte le imprese e dei cittadini del territorio che da anni lamentano l’assenza di una rete adeguata alle necessità del quotidiano.

Nel grossetano non hanno linea mobile Sorano, Santa Fiora, Monte Argentario e Massa Marittima, per non parlare delle infrastrutture informatiche come la banda larga, secondo i dati diffusi da Agcom gli accessi ultrabroadband su rete fissa sono composti per l’82% della clientela residenziale e solo per il 17,8% da quella affari, segmento che include sia le imprese sia la pubblica amministrazione – precisa Ciani -. Una realtà che non è più accettabile alla quale va posto rimedio con urgenza se non vogliamo che i ragionamenti su Industria 4.0, sull’informatizzazione e sull’innovazione delle piccole e micro imprese locali rimangano solo sulla carta. Si tratta di una gravissima realtà che blocca e ostacola la competitività del nostro mondo produttivo e rallenta le opportunità di agganciare i segnali di ripresa. A questo si devono poi aggiungere le infinite difficoltà di poter adempiere alle nuove normative come lo scontrino elettronico e di portare a termine procedure attraverso terminali connessi. Un problema sul quale, come associazione di categoria, non possiamo non intervenire perché questa situazione non è più tollerabile“.

“Su telefonia, tv, trasmissione dati serve – secondo Ciani, in questo raccogliendo anche in pieno l’appello dell’Uncem (Unione nazionale dei Comuni, delle Comunità e degli Enti montani) e del sindaco Vanni di Sorano, che più volte ha ricordato le difficoltà che i suoi concittadini sono costretti a sopportare – un piano nazionale congiunto, organico e fatto di investimenti, oltre che di visione, come sancito dalla legge 158/2017 sui piccoli Comuni, della quale si auspica immediata attuazione. Il problema per le aziende artigiane piccole e medie è che senza reti 3G, 4G, Wi-fi, si favorisce anche lo spopolamento e la desertificazione commerciale. In questo modo oggi non è possibile effettuare il ‘telelavoro’, o anche la telemedicina e la teleassistenza. Sono 5 milioni gli italiani che hanno difficoltà addirittura a telefonare figuriamoci a connettersi all’interno di un sistema sociale che invece è sempre più iperconnesso e a volte vive di connessioni“.

Per questo, come Confartigianato chiediamo con forza – conclude Mauro Cianiun impegno immediato alla politica e alle istituzioni, visto che non vi è ancora un piano di investimenti per dotare il Paese, e quindi il sistema economico, di una copertura efficace per la telefonia mobile e la connessione“.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su