Pubblicato il: 22 Gennaio 2018 alle 12:14

GrossetoScuola

“Odio gli indifferenti”: le opere degli studenti dell’Artistico interpretano il pensiero di Gramsci

Mercoledì 24 gennaio, alle 10, nella sala esposizioni di Clarisse Arte di Grosseto, si svolgerà la giornata conclusiva del concorso “Odio gli indifferenti“, promosso dall’Istituto Gramsci di Grosseto in occasione dell’ottantesimo anniversario della morte di Antonio Gramsci.

Nella circostanza verranno presentati e premiati i lavori delle classi V A e V B dell’indirizzo di Arti figurative del Liceo artistico “Luciano Bianciardi” che hanno partecipato al concorso.

L’esposizione delle opere si protrarrà anche nei giorni 25 e 26 gennaio per tutti coloro che non potranno esserci nel giorno dell’inaugurazione.

I ragazzi hanno elaborato una vasta gamma di opere, dalle tele in formato quadrato create dagli studenti della V A con l’idea di allestirle per formare un’opera unica, alle istallazioni multimateriche della V B, che hanno ricostruito episodi cruciali della complessa vita di Gramsci.

Dai contributi che gli studenti hanno espresso emerge un interesse vero rispetto al tema proposto e un’attenzione creativa verso la figura di Antonio Gramsci e il suo messaggio. I giovani artisti hanno dimostrato che il pensiero gramsciano è ancora significativo e valido come stimolo all’impegno e alla responsabilità nei confronti della contemporaneità.

Antonio Gramsci si è costantemente riferito ai giovani come destinatari ideali della sua opera e in particolare ha assegnato alla scuola un ruolo centrale nel percorso di promozione umana e sociale. I suoi scritti in merito al valore della scuola rendono oggi quanto mai attuale il suo messaggio.

Per l’ideazione e la progettazione dei manufatti gli studenti si sono avvalsi della consulenza dei referenti dell’Istituto Gramsci, che hanno illustrato la poliedrica figura del filosofo, sottolineandone soprattutto l’aspetto umano ed educativo.

Quindi, gli insegnanti di Discipline pittoriche, i professori Biagio Cuomo e Naima De Persis, hanno coordinato il lavoro di progettazione ed elaborazione, coadiuvati dalle colleghe Maria Laura Perfetti e Antonella Piani che, nei loro ambiti di italiano, storia e filosofia, hanno ulteriormente approfondito la figura del politico italiano.

Dunque mercoledì l’esito di questa esperienza, che premierà chi meglio avrà colto l’attualità e la forza del pensiero di questo cruciale personaggio della nostra storia del Novecento.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su