Pubblicato il: 16 Dicembre 2014 alle 15:54

GrossetoScuola

“Azzardo uno slogan”: il Liceo Rosmini in campo contro il vizio del gioco

Cinque istituzioni cittadine coalizzate contro una delle piaghe che affliggono la nostra società; studenti delle superiori che passano dall’altra parte della cattedra per diventare insegnanti e svolgere lezioni agli alunni delle medie: sono gli ingredienti del concorso “Azzardo uno slogan”, promosso dal Liceo economico sociale “Antonio Rosmini” di Grosseto.

L’iniziativa è rivolta alle classi terze delle scuole medie di Grosseto e prevede la collaborazione di Coeso, Asl, Banca della Maremma, cooperativa Uscita di Sicurezza e Slotmob.

Il concorso

Si tratta di un percorso di approfondimento di alcune tematiche legate ai rischi correlati al gioco d’azzardo che si articolerà in due momenti distinti.

In una prima fase, gli studenti delle classi I e IV del Liceo “Rosmini” affronteranno una serie di lezioni per imparare l’uso responsabile del denaro e prevenire indebitamento e dipendenze.

In seguito, attraverso il metodo della “peer education”, i ragazzi del “Rosmini” incontreranno gli studenti delle classi terze delle scuole medie, per un confronto sui temi affrontati e con lezioni interattive e giochi finalizzati alla comprensione dei temi economici.

A quel punto, gli alunni più piccoli dovranno creare slogan, frasi e/o immagini contro il gioco d’azzardo, che sempre di più sta diventando una piaga sociale.

Il gioco d’azzardo è una problematica affrontata da tempo dal nostro istituto – spiega la professoressa Katia Bartali del Liceo ‘Rosmini’ – e che affligge anche gli alunni più giovani delle scuole medie, coinvolgendo di conseguenza le loro famiglie. Siamo entusiasti delle adesioni che abbiamo ricevuto per questo concorso, a cui parteciperanno tutte le scuole medie di Grosseto, per un totale di 13 classi. Una giuria sceglierà lo slogan ritenuto più efficace e il vincitore riceverà un premio in denaro che sarà destinato alla sua scuola di appartenenza per acquistare materiale didattico. Inoltre, lo slogan vincente sarà al centro di una campagna di sensibilizzazione contro il gioco d’azzardo promossa a Grosseto”.

Quello del gioco d’azzardo, e più in generale delle dipendenze, è un fenomeno in diffusione crescente in tutto il mondo e, in particolare in Italia, le cui cause vanno ricercate in fattori di ordine biologico, psicologico, sociale, ma anche culturale ed economico: recenti dati, infatti, dicono che gioca regolarmente un minorenne su cinque.

E’ positivo che questo concorso permetta ad alcune istituzioni grossetane di lavorare insieme – sottolinea Fabrizio Boldrini, direttore del Coeso – perché, in un periodo di crisi come quello che stiamo vivendo, diventa più facile chiudersi in sé stessi. Però, non è possibile affrontare una tematica delicata come il gioco d’azzardo se non c’è unità di intenti fra i soggetti in campo. L’aspetto fondamentale di questo concorso è che gli studenti si mettono in gioco per parlare ad altri alunni più piccoli: si tratta di una metodologia che può dare risultati efficaci per combattere il fenomeno del gioco d’azzardo”.

Il gioco d’azzardo è un fenomeno grave ed è un ambito in cui è anche difficile intervenire perché le persone si vergognano ad ammettere di essere afflitti da questa problematica – spiega Paolo Tusa della cooperativa Uscita di Sicurezza -. All’interno della nostra cooperativa abbiamo realizzato un gruppo di auto mutuo soccorso per aiutare i soggetti a smettere di giocare, anche se per guarire è necessario compiere un percorso lungo e difficile”.

Da anni, il nostro istituto di credito collabora con il Liceo ‘Rosmini’ – dichiara Matteo Olivo della Banca della Maremma – e siamo orgogliosi di dare il nostro contributo per la riuscita di questo progetto, che rientra nella nostra mission: sviluppare la crescita morale e culturale del territorio maremmano. Il nostro compito è quello di far crescere nei ragazzi la cultura del risparmio e di prevenire certi comportamenti sbagliati, insegnando attraverso incontri nelle scuole l’educazione finanziaria”.

Tag
Mostra di più

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Articoli correlati

Pulsante Torna su